L’impianto di produzione di armi chimiche di Rabta in Libia è oggetto di controlli da parte degli organismi internazionali preposti alla distruzione delle armi di distruzioni di massa. Vengono incaricate la ditta Pharmachem per la conversione del sito di Rabta in uno stabilimento farmaceutico e la ditta italiana Sipsa per movimentare da un bunker al sito di Rabta l’agente chimico (si parla di gas nervino) e gestirne la sua distruzione; ma i tempi si allungano più del previsto e questo crea impazienza negli Stati Uniti, preoccupati non tanto della lentezza della messa in opera delle infrastrutture necessarie, quanto che questa non sia una “tattica” premeditata dai libici per rallentare l’eliminazione di questi agenti chimici. In questo contesto si innesca poi una curiosa “querelle” tra il responsabile libico e l’osservatore iraniano, apparentemente per un problema di controllo su un capannone contenente materiale farmaceutico, in realtà per “molestare” i libici dopo che questi ultimi avevano votato una risoluzione dell’Onu contro l’Iran. Nota: ad oggi non si sa se le attività, la cui conclusione era stata prevista per inizio 2010 siano state effettivamente terminate…

Reference ID Created Released Classification Origin
08TRIPOLI466 2008-06-15 15:03 2011-02-05 00:12 CONFIDENTIAL Embassy Tripoli

 

C O N F I D E N T I A L SECTION 01 OF 03 TRIPOLI 000466SIPDISDEPT FOR NEA/MAG AND ISN (FERGUSON)

E.O. 12958: DECL:  6/15/2018

TAGS: PARM PREL CWC OPCW CBW CH JA IT LY

SUBJECT: CHEMICAL WEAPONS CONVENTION (CWC): CONVERSION OF THE RABTA CHEMICAL WEAPONS PRODUCTION FACILITY

REF: A) STATE 58476, B) THE HAGUE 482, C) TRIPOLI 119 

CLASSIFIED BY: Chris Stevens, CDA, U.S. Embassy Tripoli, Dept of State. REASON: 1.4 (b), (d)

C O N F I D E N T I A L SECTION 01 OF 03 TRIPOLI 000466SIPDISDEPT FOR NEA/MAG AND ISN (FERGUSON)

E.O. 12958: DECL:  6/15/2018

TAGS: PARM PREL CWC OPCW CBW CH JA IT LY

Oggetto: Convenzione sulle armi chimiche (CWC): Conversione dell’impianto di produzione di armi chimiche di Rabta

REF: A) STATE 58476, B) THE HAGUE 482, C) TRIPOLI 119 

CLASSIFIED BY: Chris Stevens, CDA, U.S. Embassy Tripoli, Dept of State. REASON: 1.4 (b), (d)

¶1. (C) Summary:  The GOL’s lead interlocutor on CWC issues told us:1) conversion of the Rabta chemical weapons production facility would not be completed until December 2009 (which the GOL appears to have known since early 2006),2) the GOL would not submit a new National Paper at the upcoming June 24-27 Executive Committee meeting of the OPCW,

3) GOL Delreps would/would read an official statement into the record of the EC’s informal session that would address all points stipulated in ref A non-paper;

4) the GOL was ready to facilitate a bilateral visit by U.S. technical experts at any time, and;

5) despite delays, the GOL expects to complete destruction of chemical agents well before the deadline it agreed to with States Parties. 

End summary.

¶ 1. (C) Riassunto: l’interlocutore incaricato dal governo libico su questioni CWC (convenzione su armi chimiche, ndr) ci ha detto che:1) la conversione dell’impianto di produzione di armi chimiche di Rabta non sarà completato prima del dicembre 2009 (sembra che il governo lo sapesse fin dall’inizio del 2006),2) il governo libico non presenterebbe una nuova Carta Nazionale in occasione della prossima riunione del 24-27 Giugno del comitato esecutivo dell’OPCW (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche, ndr),

3) Delreps (la delegazione) del governo libico potrebbe/dovrebbe leggere un comunicato ufficiale in occasione della sessione informale del Consiglio Esecutivo (EC) che affronta tutti i punti di cui al rif A non cartaceo;

4) il governo libico era pronto ad organizzare una visita bilaterale da parte di esperti tecnici statunitensi in qualsiasi momento, e,

5), nonostante i ritardi, il governo libico prevede di completare la distruzione di agenti chimici ben prima del termine ultimo concordato con gli stati contraenti.

Fine riassunto.

¶2. (SBU) P/E Chief conveyed ref A demarche points and non-paper on June 12 to Dr. Ahmed Hesnawy, who heads Libya’s CWC compliance efforts, and Adel Ben Issa, who has the lead on CWC issues in the International Organization Department of the Ministry of Foreign Affairs (MFA/IO).  Dr. Fathi Asseid, Technical Director of the General Company for the Manufacture of Pharmaceuticals and Medical Supplies, which controls the Rabta facility and a related pharmaceutical packaging plant, also attended the meeting.  Stressing the GOL’s commitment to transparency in declaring its CWC-related equipment, implementing conversion of the Rabta facility and destroying chemical weapon precursors, Dr. Hesnawy thanked the U.S. and U.K. for their “robust” support for Libya’s efforts to date. Per ref A, copies of the non-paper and an oral brief on the demarche points were conveyed to U.K. and Italian Embassy counterparts in Tripoli. ¶ 2. (SBU) Il responsabile politico/economico ha portato i punti del documenti rif A e non su carta il 12 giugno al dottor Ahmed Hesnawy, che guida gli sforzi di conformità della Libia al CWC, e Adel Ben Issa, che ha in carico le questioni CWC al Dipartimento di Organizzazione Internazionale del Ministero degli Affari Esteri (MFA/IO). Ha anche partecipato alla riunione il Dott. Fathi Asseid, Direttore Tecnico della Società generale per la Fabbricazione di Prodotti Farmaceutici e le Forniture Mediche, che controlla l’impianto di Rabta e un impianto di packaging farmaceutico collegato. Sottolineando l’impegno di trasparenza del governo libico nel dichiarare le sue attrezzature connesse con la CWC, implementando la conversione della struttura di Rabta e la distruzione di precursori di armi chimiche, il dottor Hesnawy ha ringraziato gli Stati Uniti e il Regno Unito per il loro “robusto” sostegno agli sforzi della Libia di oggi. Per il ref A, le copie del non di carta e un breve discorso orale sui punti del documento sono stati trasmessi al Regno Unito e alle controparti dell’Ambasciata italiana a Tripoli.
CONVERSION PROJECT ¶3. (SBU) On the points of the demarche, Hesnawy indicated the following: – CONVERSION DELAY: Conversation of the Rabta chemical weapons production facility will not be completed before November/December 2009.  The GOL signed an original contract with Italian company PharmaChem on February 11, 2002; an addendum to that contract, signed on June 1, 2006 (which Hesnawy showed P/E Chief), stipulated that PharmaChem’s portion of conversion work at the Rabta facility would be completed by September 2009.  The GOL, factoring in possible unexpected delays, added three months to the timeline, yielding an expected completion date of December 2009.  Hesnawy did not respond when asked why Libya had not notified States Parties earlier that conversion would be delayed if it had known since February 2006 that the contract with PharmaChem stipulated a completion date in late 2009.  He insisted that the GOL would complete the conversion project and initiate production of pharmaceuticals at Rabta by December 2009. 

– NEW NATIONAL PAPER: Libya will not submit a new National Paper to the Executive Council (EC) meeting of the OPCW scheduled to begin on June 24.  Noting that National Papers are to be submitted at least a month in advance of EC’s for review by States Parties, Hesnawy pointed to the fact that the meeting was just ten days away and that there was not sufficient time for review.  P/E Chief noted that we had asked since early May that the GOL immediately submit a new National Paper for review. Hesnawy had no response, but said Libya’s delegation will instead submit an “official statement” during the Informal Session that would address all points stipulated in ref A non-paper.  The informal statement would explain “completely” the reasons for missing the July 29, 2008 conversion deadline and the need for “a correction” to the conversion plan that would eliminate the requirement that a protective sandbag berm be removed. 

– VISIT BY U.S. TECHNICAL EXPERTS: Hesnawy and his MFA/IO counterpart stressed that the GOL stands ready to facilitate a visit to the Rabta facility by U.S. Embassy officials and/or U.S. technical experts – the U.S. side is “welcome to visit at any time – we have nothing to hide”.  Such a visit could occur before the upcoming EC meeting or after it.  The GOL has already extended invitations through the Italian and U.K. Embassies for their capitals to send teams of technical experts.  (Note: The Italian Ambassador and DCM, but not/not Italian technical experts visited Rabta on June 7.  A U.K. technical team is notionally scheduled to visit July 6-9, 2008.  End note.) Hesnawy stressed that the GOL was willing to accommodate a series of bilateral visits by technical experts, but was not/not willing to facilitate a visit by a combined team (i.e., of U.S. and U.K. experts) out of concern that the visit’s agenda could be broadened.  TRIPOLI 00000466  002 OF 003   

– NEXT STEPS: Hesnawy indicated that he clearly understood that U.S. support for a conversion plan correction to allow retention of a modified protective berm depended on a commitment to transparency and conduct of a site visit to Rabta.  He said that the GOL might/might be amenable to submitting a new National Paper at the next EC after the upcoming meeting in late June, indicating that the GOL would premise its decision in part on conversations with Delreps at the June 24-27 EC meeting.

Progetto di conversione¶ 3. (SBU) Sui punti del documento, Hesnawy ha indicato i seguenti:- ritardo della conversione: la conversione della struttura di produzione di armi chimiche di Rabta non sarà completata prima del novembre/dicembre 2009. Il governo libico ha firmato un contratto iniziale con la società italiana PharmaChem l’11 febbraio 2002, un addendum a tale contratto, firmato il 1 ° giugno 2006 (che Hesnawy ha mostrato al capo politico/economico), stabiliva che parte dei lavori di ristrutturazione della PharmaChem presso l’impianto Rabta sarebbero stati completati entro il settembre del 2009. Il governo libico, adducendo a possibili ritardi imprevisti, ha aggiunto tre mesi alla linea temporale, ottenendo una data di prevista di conclusione nel mese di dicembre 2009. Hesnawy non ha risposto alla domanda sul perché la Libia non avesse notificato prima agli Stati partner che la conversione poteva essere in ritardo avendolo saputo fin dal febbraio 2006 che il contratto stipulato con PharmaChem aveva una data di completamento per la fine del 2009. Ha insistito sul fatto che il governo libico avrebbe completato il progetto di conversione e avviato la produzione di prodotti farmaceutici a Rabta entro dicembre 2009.

– Nuova carta nazionale: la Libia non presenterà una nuova Carta Nazionale alla riunione del Consiglio Esecutivo (CE) dell’OPCW che avrà inizio il 24 giugno. Notando che le Carte Nazionali devono essere presentate almeno un mese prima al CE per il riesame da parte degli Stati, Hesnawy ha sottolineato il fatto che la riunione ci sarebbe stata solo a dieci giorni di distanza e che non vi era stato tempo sufficiente per la revisione. Il (nostro, ndr) capo politico/economico ha osservato che avevamo chiesto sin dall’inizio di maggio che il governo libico presentasse immediatamente una nuova Carta nazionale per la revisione. Hesnawy non ha dato risposta, ma ha detto che la delegazione libica invece presenterà una “dichiarazione ufficiale” durante la sessione informale che affronta tutti i punti di cui al rif A non cartaceo. Il documento informale spiegherebbe “completamente” le ragioni che hanno portato a mancare il 29 Luglio 2008 come termine ultimo di conversione e la necessità di “una correzione” al piano di riconversione che eliminerebbe l’esigenza che sarebbe rimossa una cornice di sacchetti di sabbia di protezione.

– Visita di tecnici esperti americani: Hesnawy e la sua MFA/IO ha sottolineato che il governo libico è pronto a facilitare la visita alla struttura di Rabta a funzionari dell’ambasciata degli Stati Uniti e/o ad tecnici esperti degli Stati Uniti – la parte statunitense è “benvenuta a visitare in qualsiasi momento – non abbiamo nulla da nascondere”. Tale visita potrebbe avvenire prima del prossimo incontro CE o dopo di esso. Il governo libico ha già esteso l’invito tramite le Ambasciate italiane e britanniche alle loro capitali allo scopo di inviare squadre di esperti tecnici. (Nota: il 7 giugno hanno visitato Rabta l’ambasciatore Italiano e il DCM, ma non/esperti tecnici italiani. Una squadra tecnica del Regno Unito è teoricamente prevista in visita il 6-9 Luglio 2008. fine nota…) Hesnawy ha sottolineato che il governo libico era disposto ad ospitare una serie di visite bilaterali da parte di esperti tecnici, ma non è sarebbe disposto ad organizzare la visita di un gruppo combinato (cioè, di esperti di Stati Uniti e Regno Unito) per la preoccupazione che l’agenda della visita potrebbe essere ampliata.

– Prossime tappe: Hesnawy ha detto che ha ben compreso che il sostegno degli Stati Uniti per una correzione del piano di riconversione per consentire il mantenimento di un muro di sabbia modificato protettivo dipendeva da un impegno per la trasparenza e la conduzione di una visita al sito di Rabta. Ha detto che il governo libico potrebbe essere suscettibili di presentazione di una nuova Carta Nazionale in occasione del prossimo CE dopo la prossima riunione a fine giugno, che indica che il governo libico avrebbe presupposto la sua decisione in parte su conversazioni con Delreps (la delegazione USA) nel corso della riunione del CE del 24-27 giugno.

IRANIAN HARASSMENT DURING APRIL 2008 OPCW INSPECTION ALLEGED¶4. (C) Referring to the April visit by an OPCW inspection team, Hesnawy complained that an Iranian inspector had raised issues with equipment in Building Number 3 and Building Number 4 that had since 2004 been mutually agreed to have been exclusively commercial in nature.  According to Hesnawy, four previous tranches of OPCW inspectors had been informed of the equipment and assured the GOL that the equipment did not need to be declared.  Referring to the GOL’s decision to vote for a UN Security Council Resolution calling for a third tranche of sanctions against Iran because of its nuclear weapons program, Hesnawy said the Iranian inspector deliberately raised the issue of equipment in the commercial building to harass Libya in retaliation for its UNSC vote.  Hesnawy claimed Iranian officials at the OPCW had conceded as much in conversations at The Hague with Libya’s representative, Muhammad Gheton.  “Libya feels it’s being dragged back to 2004”, Hesnawy complained, saying previous teams of inspectors should have raised the issue of the equipment earlier if it was indeed a subject of concern. Molestia iraniana durante la presunta ispezione dell’OPCW dell’aprile 2008¶ 4. (C) Facendo riferimento alla visita di aprile di un gruppo di ispezione dell’OPCW, Hesnawy si è lamentato del fatto che un ispettore iraniano aveva sollevato problemi con le apparecchiature all’edificio 3 e all’edificio 4 che dal 2004 era stato concordato essere esclusivamente di natura commerciale. Secondo Hesnawy, quattro precedenti gruppi di ispettori dell’OPCW erano stato informati delle attrezzature ed avevano assicurato il governo libico che le apparecchiature non avevano bisogno di essere dichiarate. Riferendosi alla decisione del governo libico di votare al Consiglio di Sicurezza dell’Onu la risoluzione che chiede una terza tranche di sanzioni contro l’Iran a causa del suo programma di armi nucleari, Hesnawy ha detto che l’ispettore iraniano ha volutamente sollevato il problema delle attrezzature nell’edificio commerciale per molestare la Libia come rappresaglia al suo voto al Consiglio di sicurezza dell’ONU. Hesnawy ha affermato che funzionari iraniani dell’OPCW avevano concesso molto nelle conversazioni all’Aia con il rappresentante della Libia, Muhammad Gheton. Hesnawy si è lamentato che “la Libia si sente trascinata indietro al 2004”, dicendo che le squadre di ispettori precedenti avrebbero dovuto sollevare prima la questione sulle attrezzature se si fosse trattato effettivamente di un elemento di preoccupazione.
DESTRUCTION: STATUS OF ITALIAN CONTRACT & PROJECT TIMELINE¶5. (C) Regarding ref B reports that the timetable for Libya’s destruction program had slipped, Hesnawy conceded that there had been delays; however, he maintained that Libya would nonetheless meet the deadline of the States Parties.  The GOL envisions the project in two phases:1)  Repackaging of the agent from existing polyethylene containers (which has resulted in diffusion, vice leakage, of the agent) into improved containers for the 800 km trip from the Ruwagha facility in al-Jufra to the Rabta facility; and

2) actual destruction of the material.

Hesnawy said    the GOL will rely on Italian company SIPSA Enginerring and Libyan civil contractors to complete the repackaging and destruction work.  Contract negotiations with the Italian company had been “completed” and terms were mutually understood by the GOL and SIPSA; however, the contract itself had not yet been formally approved by “all relevant GOL entities”, according to Hesnawy.  Additional details, such as securing GOL approval to establish requisite bank accounts and authority for letters of credit were also still being worked out.

Distruzione: stato del contratto italiano e termine del progetto¶ 5. (C) Per quanto riguarda il rif B che riferisce che era slittato il calendario per il programma di distruzione della Libia, Hesnawy ha ammesso che c’erano stati ritardi; tuttavia ha sostenuto che la Libia avrebbe comunque rispettato il termine degli Stati Parte. Il governo libico prevede il progetto in due fasi:1) Riconfezionamento dell’agente dagli esistenti contenitori di polietilene (che hano portato la diffusione, o dispersione, dell’agente) in contenitori migliorati per il viaggio di 800 km dall’impianto di Ruwagha in al-GiFra all’impianto di Rabta e

2) la distruzione effettiva del materiale.

Hesnawy ha detto che il governo libico potrà contare sulla società italiana SIPSA Enginerring e su imprese civili libiche per completare il lavoro di riconfezionamento e di distruzione. Le trattative contrattuali con la società italiana sono state “completata” e i termini sono reciprocamente chiari per il governo libico e la SIPSA; tuttavia, secondo Hesnawy il contratto stesso non è ancora stato formalmente approvato dal “tutti gli enti interessati del governo libico”. Erano ancora in corso di elaborazione ulteriori dettagli, come garantire l’approvazione del governo libico per stabilire i conti bancari e l’autorizzazione necessaria per lettere di credito.

¶6. (C) Hesnawy offered the following schedule for the destruction program: – January/February 2009: Repackaging of the agent takes place; agent is stored in Bunker 109 at al-Jufra until transport to Rabta in late 2009/early 2010; – March 2009: Construction completed on destruction building at Rabta facility; 

– March-October 2009: Destruction equipment installed in destruction building at Rabta facility; 

– December 2009: Cold and hot tests of destruction equipment at Rabta destruction facility; 

– Early February 2010: Commissioning of destruction facility at Rabta; 

– May 1, 2010: 1% of agent destroyed per agreement with OPCW.

Hesnawy offered that SIPSA and the GOL estimated that destruction of all of the agent would require only 25 calendar days once destruction commenced at the Rabta facility.  He anticipated no difficulty meeting the deadline for destruction of the agent, and predicted that Libya would complete the project well in advance of the deadline.

¶ 6. (C) Hesnawy ha proposto il seguente calendario per il programma di distruzione:- Gennaio / Febbraio 2009: Riconfezionamento dell’agente sul luogo; l’agente è immagazzinato nel bunker 109 ad al-GiFra fino a che non verrà trasportato a Rabta a fine 2009 / inizio 2010;- Marzo 2009 : Completamento della costruzione dello stabilimento di distruzione presso Rabta;

– Marzo-ottobre 2009: attrezzature di distruzione installate nell’edificio di distruzione presso lo stabilimento di Rabta;

– Dicembre 2009: prove a caldo e a freddo di distruzione del materiale presso l’impianto di distruzione di Rabta;

– Primi di febbraio 2010: avviamento dell’impianto di distruzione di Rabta;

– 1 maggio 2010: 1% di agente distrutto per convenzione stipulata con l’OPCW.

Hesnawy ha detto che SIPSA e il governo libico hanno stimato che la distruzione di tutto l’agente richiederebbe solo 25 giorni di calendario, una volta iniziata la distruzione presso l’impianto Rabta. Egli ha anticipato nessuna difficoltà nel rispettare la scadenza per la distruzione dell’agente, e ha predetto che la Libia avrebbe completato il progetto con largo anticipo sulla scadenza.

¶7. (C) Comment: Animated and at times angry, Hesnawy repeatedly stressed the GOL’s annoyance at what it perceives as an “endless” series  of questions about details of its conversion and destruction plans.  Stressing that dignity was more important than anything in Libya, Hesnawy offered that GOL officials had considered whether it would be better to destroy the Rabta facility altogether rather than allow it to be used as a pretext for criticism of the GOL’s intentions and performance by “hostile international actors”.STEVENS ¶ 7. (C) Commento: agitato ed a volte arrabbiato, Hesnawy ha ripetutamente sottolineato il fastidio del governo libico per quello che percepisce come una serie “infinita” di domande sui dettagli relativi alla conversione e ai piani di distruzione (dell’impianto). Sottolineando che la dignità è più importante di qualsiasi altra cosa in Libia, Hesnawy ha detto che i funzionari del governo libico avevano preso in considerazione se non fosse stato meglio del tutto l’impianto di Rabta, piuttosto che permettere che venisse usato come pretesto per la critica alle intenzioni del governo libico e le performance di “attori ostili internazionali”.STEVENS

 EnGiCav