In questo rapporto segreto inviato dall’Ambasciata USA a Tripoli nel 2006 si fa il punto sulla “Gheddafi Incorporated”, cioè sugli interessi economici e finanziari del dittatore libico e della sua famiglia. Nonostante lo stile di vita del leader e dei suoi parenti più stretti venga giudicato estremamente sobrio al confronto con quello dei magnati arabi del Golfo e dei capi di stato arabi vicini, l’influenza della famiglia Gheddafi nei posti chiave dell’economia e della finanza pubblica e privata e l’enorme ricchezza accumulata nel tempo le consente di controllare e monitorare tutto il paese manovrando un consenso clientelare e filtrando i contenuti anti-governativi da stampa e telecomunicazioni. E anche la lotta per il controllo della Coca-Cola diventa una “questione privata” di famiglia.

Reference ID Created Released Classification Origin
06TRIPOLI198 2006-05-10 09:09 2010-12-07 21:09 SECRET Embassy Tripoli

 

S E C R E T  TRIPOLI 000198DEPARTMENT FOR NEA/MAG, NEA/PI LONDON FOR TSOUEO 12958 DECL:  4/26/2016TAGS ECON, ECIN, ETRD, PGOV, LY

SUBJECT: QADHAFI INCORPORATED

REF: TRIPOLI 33, 53

CLASSIFIED BY: Elizabeth Fritschle, Pol/Econ Chief, U.S. Liaison Office, Department of State. REASON: 1.4 (b), (d)

S E C R E T  TRIPOLI 000198DEPARTMENT FOR NEA/MAG, NEA/PI LONDON FOR TSOUEO 12958 DECL:  4/26/2016TAGS ECON, ECIN, ETRD, PGOV, LY

OGGETTO: GHEDDAFI INCORPORATED

REF: TRIPOLI 33, 53

CLASSIFIED BY: Elizabeth Fritschle, Pol/Econ Chief, U.S. Liaison Office, Department of State. REASON: 1.4 (b), (d)

¶1. (C) SUMMARY. Qadhafi often speaks out publicly against government corruption, but the politically-connected elite has direct access to lucrative business deals. This commercial access can easily be cut off when individuals fall out of favor. The Qadhafi family and other Jamahiriya political favorites profit from being able to manipulate the multi-layered and regularly shifting dynamics of governance mechanisms in Libya. They have strong interests in the oil and gas sector, telecommunications, infrastructure development, hotels, media distribution, and consumer goods distribution. The financial interests of Qadhafi and his key allies present both opportunites and challenges for reform efforts in Libya. Any reform is likely to be cyclical over the long-term. END SUMMARY ¶ 1. (C) SINTESI. Gheddafi parla spesso pubblicamente contro la corruzione del governo, ma l’élite politicamente collegata ha accesso diretto accordi d’affari lucrativi. Questo accesso commerciale può essere facilmente tagliato fuori quando le persone cadono in disgrazia. La famiglia Gheddafi e gli altri favoriti politici della Jamahiriya traggono profitto essendo in grado di manipolare le dinamiche multi-livello e regolarmente mutevoli legate ai meccanismi di governo in Libia. Essi hanno forti interessi nel settore petrolifero e del gas, nelle telecomunicazioni, nello sviluppo delle infrastrutture, negli alberghi, nei distribuzione dei media, nella distribuzione delle merci al consumatore. Gli interessi finanziari di Gheddafi e dei suoi alleati chiave presentano sia nuove opportunità che sfide per gli sforzi di riforma in Libia. Qualsiasi riforma è probabilmente ciclica nel lungo termine. FINE SINTESI
Saif’s Call For Freedom of the Press Equals Net Profit¶2. (C) As with many other regimes, politically-connected members of the Libyan elite have direct access to lucrative business contracts. Qadhafi often speaks out publicly against government corruption and sometimes dismisses officials who are caught in gross improprieties. In some cases, it appears that falling out of favor politically can trigger the discovery of improprieties in business dealings that might not otherwise come to public attention. As reported reftel, Saif al-Islam’s One-Nine group will reportedly start marketing foreign publications in Libya in the near future. The Qadhafi Foundation, Saif’s quasi-NGO, is hailing the move as an example of freedom and reform in the Jamahiriya. XXXXXXXXXXXX The Qadhafi family will clearly accrue significant financial gains from having exclusive rights to distribute foreign press in Libya, as well as effective censorship over any troubling articles that might appear. The One-Nine group gets it name from the September 1, 1969 anniversary of the Muammar Qadhafi-led military coup that overthrew King Idris. Richiesta di Saif per la libertà di stampa = profitto netto¶ 2. (C) Come per molti altri regimi, i membri politicamente collegati all’élite libica hanno accesso diretto ai contratti d’affari lucrativi. Gheddafi parla spesso pubblicamente contro la corruzione del governo e, talvolta, licenzia i funzionari che sono stati coinvolti in gravi scorrettezze. In alcuni casi, accade che chi cade politicamente in disgrazia possa innescare la scoperta di irregolarità nei rapporti commerciali che altrimenti non potrebbero essere portati alla pubblica attenzione. Come riportato nel reftel, il gruppo One-Nine di Saif al-Islam si dice che inizierà a commercializzare pubblicazioni straniere in Libia nel prossimo futuro. La Fondazione Gheddafi, una quasi-ONG di Saif, sta salutando la mossa come un esempio di libertà e di riforma nella Jamahiriya. XXXXXXXXXXXX La famiglia Gheddafi chiaramente accumulerà notevoli proventi finanziari derivanti dall’avere l’esclusiva della distribuzione della stampa estera in Libia, così come avrà efficace censura su tutti gli articoli problematici che vi potrebbero comparire. Il gruppo One-Nine prende il nome dalla data del 1° Settembre 1969, anniversario del colpo di stato militare guidato da Muammar Gheddafi che rovesciò il re Idris.
Oil and Gas Revenues Channeled to Qadhafis and Political Elite¶3. (S) All of the Qadhafi children and favorites are supposed to have income streams from the National Oil Company and oil services subsidiaries. Saif is involved in oil services through One-Nine Petroleum and other Qadhafi family members and associates are believed to have large financial stakes in the Libyan Tamoil oil marketing company based in Europe and Oil Invest. AbdelMagid al-Mansuri, the former “director” of One-Nine Petroleum, was responsible for the ill-executed “U.S.-Libya Economic Forum” held at the Corinthia Hotel December 2004. The Forum was viewed as a blatant attempt to tie up lucrative percentage deals for Libyan elites looking for representative relationships with U.S. companies. During 2004, the internet-based publication Libya al-Yown distributed information tracing a large number of sweetheart deals to One-Nine’s Oil and Gas division XXXXXXXXXXXX in Scotland, home to a well-connected Libyan expatriate community. It is believed that millions of dollars are distributed to politically connected Libyans and Libyan expatriates via the XXXXXXXXXXXX. XXXXXXXXXXXX I proventi del petrolio e gas canalizzati per i Gheddafi e l’elite politica¶ 3. (S) Tutti i figli di Gheddafi e i suoi favoriti si suppone abbiano flussi di reddito dalla National Oil Company e dalle associate per i servizi petroliferi. Saif è coinvolto nei servizi al petrolio attraverso la One-Nine Petroleum ed altri membri della famiglia Gheddafi e soci si ritiene abbiano grandi interessi economici in gioco nella società di commercializzazione libica di petrolio Tamoil con sede in Europa e nella Oil Invest. AbdelMagid al-Mansuri, l’ex “direttore” di One-Nine Petroleum, fu il responsabile del maldestro “Forum economico USA-Libia” che si tenne presso l’Hotel Corinthia nel dicembre 2004. Il Forum fu visto come un chiaro tentativo delle elites libiche di vincolare ad offerte percentualmente lucrative chi deteneva rapporti di rappresentanza con aziende statunitensi. Nel corso del 2004, la pubblicazione diffusa in Internet Libia al-Yown ha fornita la notizia che tracciava un gran numero di offerte “amorevoli” tra One-Nine’s Oil e Gas Division XXXXXXXXXXXX in Scozia, sede di una comunità di libici espatriati ben connessa. Si ritiene che milioni di dollari siano distribuiti ai libici politicamente connessi e libici espatriati via XXXXXXXXXXXX. XXXXXXXXXXXX
Aisha Competes with Saif on Charitable Activities and Broad Commercial Interests¶4. (C) Dr. Aisha Muammar Al-Qadhafi, General Secretary of the Wa’atassemo Charity Society, is patron of the December 4-7, 2006  Infrastructure Libya: The International Exhibition and Forum for Libya’s Infrastructure and Economic Development implemented by the UK conference organizer Montgomery and Associates. Also listed as cooperating organizations are the General People’s Committee for Planning, the General Board of Infrastructure and Urban Development, and the Inspector General of Housing and Utilities. At the same time, there will be a U.S.-Libya Oil, Gas and Energy Exhibition and Forum at the same International Fairgrounds, also under Wa’atassemo sponsorship, and coordinated by U.S. company Nathan and Associates. Until recently, Aisha has been in the public eye based on charitable activities, sponsoring human rights seminars and the situation in Iraq (with a distinct focus on the negative effects of the presence of U.S. and foreign troops), signing up for the international advisory board for Saddam Hussein’s defense strategy, and promoting social welfare for women and children. She now appears to be branching out into areas that will give her more direct connections with the energy and construction sectors, especially since the government has announced that housing development will the major focus of the 2006 budget distributions. XXXXXXXXXXXX said that Aisha was actively looking to branch out into other areas, perhaps because of her recent marriage to a Qadhaf al-Dam with additional business interests.  Aisha is also reported to have financial interests in the private St. James Clinic of Tripoli, one of the two most trustworthy medical facilities that supplement the unreliable health care available through public facilities. In addition to health care management and referrals to hospitals to Malta and elsewhere in Europe, the clinic has an extensive aesthetic surgery practice. Aisha compete con Saif nelle attività caritative e nei vasti interessi commerciali¶ 4. (C) Dr. Aisha Muammar Al-Gheddafi, segretario generale dell’Opera di Carità Wa’atassemo, è la patrocinatrice della Infrastructure Lybia del prossimo 4-7 Dicembre 2006: La Mostra Internazionale e Forum per le infrastrutture della Libia e lo sviluppo economico attuato dall’organizzatrice della conferenza, la britannica Montgomery and Associates. Organizzazioni di cooperazione sono definite anche il Comitato Generale del Popolo per la Pianificazione, il Consiglio Generale delle Infrastrutture e dello Sviluppo Urbano e l’Ispettore Generale per l’Edilizia e i Servizi. Nello stesso periodo ci sarà una Mostra e un Forum su petrolio, gas ed energia USA-Libia presso la stessa Fiera Internazionale, sempre sotto il patrocinio della Wa’atassemo, e coordinati dalla società statunitense Nathan and Associates. Fino a poco tempo fa, Aisha è stata agli occhi dell’opinione pubblica attiva in opere di beneficenza, seminari che sponsorizzavano i diritti umani e la situazione in Iraq (con un focus distinto sugli effetti negativi della presenza di truppe americane e straniere), partecipando al consiglio consultivo internazionale per la strategia di difesa di Saddam Hussein, e per promuovere il benessere sociale di donne e bambini. Ora sembra che lei si avventuri in aree che le daranno più connessioni dirette con i settori dell’energia e delle costruzioni, soprattutto perché il governo ha annunciato che lo sviluppo edilizio sarà l’argomento principale della distribuzioni del bilancio 2006. XXXXXXXXXXXX ha detto che Aisha stava attivamente cercando di espandersi in altre aree, forse a causa del suo recente matrimonio con un Qadhaf al-Dam avente ulteriori interessi economici. Aisha si dice che abbia interessi finanziari nella Clinica privata San Giacomo di Tripoli, una delle due strutture mediche più affidabili, che sopperiscono all’inaffidabile assistenza sanitaria disponibile nelle strutture pubbliche. Oltre alla gestione sanitaria e ai riferimenti agli ospedali a Malta e altrove in Europa, la clinica ha una grande esperienza per gli interventi di chirurgia estetica.
Competition Between Siblings led to Takeover of Coca Cola Plant¶5. (C) The recent controversy over the Coca Cola plant in Tripoli also highlighted Qadhafi family involvement in commercial enterprise. While three different sons Saadi, Mohammed and Mutassim, were all rumored to be fighting at different points over who had the right to the representative license, the dispute was supposedly argued before the courts and resolved through mediation. The very twisted tale of the Coke franchise, reported in Tripoli 53, continues to confound the local business and diplomatic community attempts to ascertain exactly what interests are in play. One well-connected consumer goods distributor said that Qadhafi’s son Mutassim was involved in setting-up the Coca-Cola franchise held by the Egyptian Ka’Mur group during the late 1990s.  XXXXXXXXXXXX Supposedly, Mutassim lost control of many of his personal Libyan business interests during the period of 2001 to 2005 when his brothers took advantage of his absence to put in place their own partnerships. Mutassim was recently spotted by Pol/Econ Chief arriving on a British Air flight at Tripoli International Airport, greeted by a small group of well wishers and protocol assistants with bouquets of flowers, then whisked off to the VIP arrivals lounge and into his vehicles without passing through customs or immigration. Qadhafi son Mohammed heads the Libyan Olympic Committee that now owns 40% of the Libyan Beverage Company, currently the Libyan joint venture Coca-Cola franchisee. The British Ambassador to Libya reported his sources attributed the resolution to a deal whereby Mohammed Al-Qadhafi was prevailed upon to relinquish his/Libyan Olympic Committee’s share of the joint venture and sign it over to the Libyan Pensions Fund. Another Ambassador chimed in that he heard it was sister Aisha Al-Qadhafi who mediated the dispute between the two brothers and got Mohammed out of the soda business. If Libyan government officials are asked about the Coca Cola case, the standard response is that the government was making sure that all the proper licenses and registrations were in place. La concorrenza tra fratelli ha portato all’acquisizione dello stabilimento della Coca Cola ¶ 5. (C) La recente polemica sulla stabilimento della Coca Cola a Tripoli ha anche evidenziato il coinvolgimento della famiglia Gheddafi nell’impresa commerciale. Mentre i tre figli Saadi, Mohammed e Mutassim, si sussurra stessero combattendo a diversi livelli su chi avesse il diritto alla licenza di rappresentanza, la controversia è stata presumibilmente sostenuta dinanzi ai giudici e risolta attraverso la mediazione. Il racconto molto contorto del franchisee della Coca-Cola, riportato in (cablo, ndr) Tripoli 53, continua a sconcertare il business locale e la comunità diplomatica cerca di capire esattamente quali sono gli interessi in gioco. Un ben introdotto distributore di beni di consumo ha detto che il figlio di Gheddafi Mutassim è stato coinvolto nella creazione del franchisee Coca-Cola posseduto dal gruppo egiziano Ka’Mur durante la fine degli anni 1990. XXXXXXXXXXXX Presumibilmente Mutassim perse il controllo di molti dei suoi interessi d’affari personali libici durante il periodo tra il 2001 e il 2005, quando i suoi fratelli approfittarono della sua assenza per mettere in atto la loro propria partnership. Mutassim è stato recentemente avvistato dall’ufficiale politico economico all’arrivo con un volo della British Air all’aeroporto internazionale di Tripoli, accolto da un piccolo gruppo di sostenitori e assistenti al protocollo con mazzi di fiori, poi sbattuto fuori dalla saletta VIP degli arrivi nei suoi veicoli senza passare attraverso la dogana o l’immigrazione. Il figlio di Gheddafi Mohammed è a capo del comitato olimpico libico, che ora possiede il 40% della libica Beverage Company, attualmente la società libica in joint venture per il franchisee della Coca-Cola. L’ambasciatore britannico in Libia ha detto che le sue fonti attribuiscono la soluzione ad un accordo secondo cui Mohammed Al-Gheddafi era stato convinto a cedere la sua quota nel Comitato Olimpico Libico e di firmarne lo consegna al Fondo Pensioni Libico. Un altro ambasciatore intervenuto sull’argomento ha sentito che era stata la sorella Aisha Al-Gheddafi a mediare la controversia tra i due fratelli e a escludere Mohammed dal business della bevanda. Se i funzionari del governo libico sono interrogati sul caso Coca Cola, la risposta standard è che il governo stava facendo in modo che tutte le proprie licenze e le registrazioni fossero a posto.
Telecommunications Controlled by Mohammed¶6. (S) Mohammed, who has plenty to keep him busy through his control of the General Post and Telecommunications Committee, has major input over any telecomm or internet service. Frequent USLO requests over the last two years to meet with the GPTC have been ignored by the Libyan government, even requests for meetings with senior U.S. officials and Congressional delegations. Several U.S. companies are actively pursuing contracts to provide a much-needed upgrade to the local telecommunications network, but the Libyan government rejects any trade promotion activities for telecom through official government channels. Based on Colonel Qadhafi’s experience overthrowing King Idris and the recognized importance of controlling radio broadcasts in 1969, and the role of mobile phone networking during the 2006 Benghazi riots, the family would definitely want to preserve its strong control over the telecom sector. Le telecomunicazioni controllate da Mohammed¶ 6. (S) Mohammed, che è stato molto impegnato nel controllo del Comitato della Posta Generale e delle Telecomunicazioni, ha molti interessi su qualsiasi servizio di TLC o Internet. Frequenti richieste negli ultimi due anni dell’ufficio USA di collegamento (USLO) per incontrarsi con il GPTC sono state ignorate dal governo libico, come anche le richieste di incontri con alti funzionari americani e con le delegazioni del Congresso. Diverse società statunitensi sono attivamente impegnate in contratti per fornire un aggiornamento assolutamente necessario della rete di telecomunicazioni locale, ma il governo libico si oppone a qualsiasi attività di promozione commerciale per le telecomunicazioni attraverso i canali ufficiali del governo. Facendo riferimento all’esperienza del colonnello Gheddafi nel rovesciare il re Idris e all’importanza riconosciuta del controllo delle trasmissioni radiofoniche avuto nel 1969, e il ruolo della rete dei cellulari nel corso dei disordini di Bengasi nel 2006, la famiglia vorrebbe definitivamente preservare il suo forte controllo sul settore delle telecomunicazioni.
New City Planned by Saadi¶7. (S) Saadi is also branching out into infrastructure development. His functionaries contacted USLO public affairs section for publications in Arabic language on economic and commercial issues. Saadi’s staff then notified USLO that he planned to establish “a new city in the west of the country, in the area between Zwara and the Libyan-Tunisian border. The new city will be under the management and supervision of the Engineer al-Saadi al-Qadhafi.” As Saadi’s staffers frame the interest, “he wants information on how the U.S. can help with this matter.” That general area of coastline has an island that has been slated for tourist development in the last couple years without any subsequent action, perhaps because a large oil processing facility mars the view from the island, and also because outside investors can not get liquor licenses for hotels populated by foreign tourists. The Qadhafi family is already in the tourism business through the large percentage of ownership in the XXXXXXXXXXXX. Una nuova città progettata da Saadi¶ 7. (S) Saadi si sta anche espandendo nello sviluppo delle infrastrutture. I suoi funzionari sono stati contattati dalla sezione USLO per gli affari pubblici per le pubblicazioni in lingua araba sulle questioni economiche e commerciali. Il personale di Saadi ha poi notificato ad USLO che aveva progettato di fondare “una nuova città nella parte occidentale del paese, nell’area tra Zwara e il confine libico-tunisino. La nuova città sarà sotto la direzione e la supervisione dell’Ingegnere al-Saadi Gheddafi”. Così il personale di Saadi staff ha inquadrato il suo interesse: “egli vuole informazioni su come gli Stati Uniti possano aiutarlo con questo problema”. Quell’area generale di costa ha un isola che è stata criticata per lo sviluppo turistico negli ultimi due anni senza alcun azione successiva, forse perché un grande impianto di trattamento del petrolio copre la vista dell’isola, e anche perché gli investitori esterni non possono ottenere le licenze di alcolici per hotel popolati da turisti stranieri. La famiglia Gheddafi è già nel settore del turismo, attraverso la grande percentuale di proprietà nella XXXXXXXXXXXX.
Consumer Goods Distribution Controlled by Few Family Holding Groups¶8. (C) Food distribution is also reportedly controlled by only four or five politically-connected families. There are no large western-style food markets in Libya. There is small western-style market in Tripoli and some smaller shops in the city that carry more imported items, but most of the neighborhood shops go to the distribution warehouses controlled by the people with strong government ties. The consumer products distribution are largely controlled by three merchants, including the Husni Bey Group, a diversified holding company that runs a range of operations under the direction of Husni Bey’s children. Bey does not characterize his company as politically well-connected, but has learned to expand operations through key alliances and he knows how to work the system to his benefit. More importantly, he knows how to recover when his businesses get caught up in the financial interests of the more connected political elite. The Akida Group, run by the Akak family, is rumored to have close ties to the ruling regime and it runs a virtual monopoly over air conditioning equipment, heating units, and small appliances as the local LG agent. La distribuzione dei beni di consumo controllata da pochi gruppi di Holding familiari¶ 8. (C) La distribuzione alimentare si dice sia controllata da solo quattro o cinque famiglie politicamente collegate. Non ci sono grandi mercati alimentari in stile occidentale in Libia. C’è un piccolo mercato in stile occidentale a Tripoli e alcuni supermercati della città che vendono gli oggetti più importati, ma la maggior parte dei negozi nelle vicinanze vanno nei magazzini di distribuzione controllato dalle persone con forti legami col governo. La distribuzione dei prodotti di consumo sono in gran parte controllati da tre commercianti, tra cui la Husni Bey Group, una holding diversificata che gestisce una serie di operazioni sotto la direzione di figli di Husni Bey. Bey non definisce la sua azienda come politicamente ben connessa, ma ha imparato ad espandere le operazioni attraverso alleanze chiave e lui sa come muovere il sistema a suo vantaggio. Ancora più importante, egli sa come recuperare quando le sue imprese cadono negli interessi finanziari élite politica maggiormente connessa. Il Gruppo Akida, gestito dalla famiglia Akak, si dice abbia stretti legami con il regime al potere e gestisce un monopolio virtuale sugli impianti di aria condizionata, delle unità di riscaldamento, e dei piccoli elettrodomestici come agente locale della LG.
¶9. (C) The government attempts during the 80s to instigate large socialist-style department stores failed; the shells of the state enterprises sit empty around Tripoli and other Libyan cities. (At least one is rumored to soon be rehabilitated as a modern shopping mall for privately owned stores.) Starting in the mid 90s, people were once again allowed to open small businesses. During Eid holidays, Libyan families buy new clothing to wear during the celebration and treat children to toys and sweets from small stores. The men tend to wear traditional embroidered wool robes produced locally or in Egypt or Syria, while women may indulge in new fashions imported from European or Asian manufacturers. During the January 2006 Eid, local women complained that the clothing variety available in the local shops was limited. Rumors circulating in Tripoli claimed that Qadhafi’s second wife, as well as his daughter Aisha, own or have financial interests in many of the new clothing stores opened in the post-sanctions era. XXXXXXXXXXXX Most of the garments in local stores are imported from China, Malaysia and India. Small boutiques have a limited supply of expensive goods imported from Europe, and these enterprises in particular seem to have the financial backing of people with strong ties to the ruling elite. ¶ 9. (C) I tentativi del governo negli anni ’80 per creare grandi magazzini in stile socialista sono falliti, gli scheletri delle imprese statali siedono vuote intorno a Tripoli e ad altre città libiche (Almeno uno si dice che sarà presto riabilitato come un moderno centro commerciale per negozi di proprietà privata). A partire dalla metà degli anni ’90 alla gente era stato ancora una volta permesso di aprire piccole imprese. Durante le vacanze Eid, le famiglie libiche comprano vestiti nuovi da indossare durante la celebrazione e comprano ai bambini giocattoli e dolci da piccoli negozi. Gli uomini tendono a indossare abiti tradizionali in lana ricamata prodotti localmente o in Egitto o in Siria, mentre le donne possono indulgere in nuove mode importate da produttori europei o asiatici. Nel corso dell’Eid del gennaio 2006 le donne locali hanno lamentato il fatto che la varietà di abbigliamento in vendita nei negozi locali fosse limitata. Le voci che circolano a Tripoli hanno affermato che la seconda moglie di Gheddafi, così come sua figlia Aisha, possiedano o abbiano interessi economici in molti dei negozi di abbigliamento giovane, aperti nel periodo post-sanzioni. XXXXXXXXXXXX La maggior parte dei capi di abbigliamento nei negozi locali sono importati da Cina, Malaysia e India. Piccole boutiques hanno una quantità limitata di prodotti costosi importati dal Europa, e queste imprese in particolare sembrano avere il sostegno finanziario di persone con forti legami con l’élite dominante.
Qadhafi Incorporated Lifestyle¶10. (C) Qadhafi himself keeps a low profile in Tripoli. The Bab al-Azizia compound has facilities for banquets and other public events, but it is not lavish in any way compared with the ostentation of the Gulf oil state families or Hariri clan. Qadhafi’s wife travels by chartered jet in Libya, with a motorcade of Mercedes waiting to pick her up at the airport and take her to the destination, but her movements are limited and discrete. She hosted a banquet for diplomatic women in the Bab al-Azizia compound on the occasion of the al-Fatah (Revolution) holiday in September that was festive but not extravagant. Since the family keeps a tight control on the media and most of the Qadhafi children spending excesses take place outside Libya, there is not much public reaction to the coffers of Qadhafi Inc.  Compared to egregious pillaging of State coffers elsewhere in Africa, or the lavish spending of Gulf Arabs, the Libyans don’t see much to complain about in their leader’s lifestyle, as long as he does a good job of making sure other people get a piece of the pie. And when Libyans do complain, they are removed from access to financial rewards. Stile di vita della Gheddafi Incorporated¶ 10. (C) Lo stesso Gheddafi tiene un basso profilo a Tripoli. Il compendio di Bab al-Azizia dispone di strutture per banchetti ed altri eventi pubblici, ma non è sontuoso in alcun modo rispetto alla ostentazione delle famiglie degli Stati del Golfo o del clan Hariri. La moglie di Gheddafi viaggia su voli charter in Libia, con un corteo di Mercedes che l’aspetta all’aeroporto per portarla alla destinazione, ma i suoi movimenti sono limitati e discreti. Ha ospitato un banchetto per le donne diplomatiche nel compendio di Bab al-Azizia in occasione della festa di al-Fatah (Revolution) nel mese di settembre che è stata festosa, ma non stravagante. Poiché la famiglia mantiene uno stretto controllo sui media e la maggior parte degli eccessi dei figli di Gheddafi avvengono al di fuori della Libia, non c’è molta reazione popolare verso i tesori delle Gheddafi Inc. Rispetto all’egregio saccheggio delle casse dello Stato altrove in Africa, o alla sontuosa spesa degli arabi del Golfo, i libici non si lamentano più di tanto dello stile di vita del loro capo, tanto più se egli fa un buon lavoro per assicurare altre persone a ricevere un pezzo della torta. E quando i libici si lamentano, questi vengono esclusi dall’accesso a ricompense finanziarie.
Comment¶11. (S) The financial interests of Qadhafi and his key allies present opportunites and challenges for reform efforts in Libya.  At a minimum, it seems safe to say that reform will have its ups and downs over the long-term, as individual, regime and national interests come into play. If and when foreign publications do become available in Libya, there will be a financial gain for Saif. At the same time, the family will still have control over monitoring what information is released to the public. Over the long term, demand for more outside information would inevitably create pressure for open access and more press freedom. Similarly, Libya has a stated commitment to moving forward with WTO accession and joining international financial organizations. But it is doing so on its own timetable, a slow timetable. Reported septel, the General People’s Congress just passed in April 2006 new agency and representation rules that run counter to WTO principles. While the General General People’s Committee for Economy and Trade has working groups actively revising legislation to prepare for WTO accession, it will take some time to reconcile all the different structures of the Jamahiriya government (translation: “State of the Masses”). Libyan government officials have been telling P/E Chief for 10 months that the WTO accession will be presented in Geneva “in a few weeks, that only the translation has to be finished.” Institutional development is very primitive and the Libyans have a cultural and social preference for elements of distributive economy, placing great value on financial rewards that flow from affiliation with regime leadership, security services etc. There was a shipment of BMWs delivered to the government in early 2006, for example, and it seems likely that the young men driving them around town got the vehicles “distributed” through their affilation with different government entities. With regard to reform partnership efforts, there are the greatest opportunities to promote positive change by engaging in the Central Bank’s efforts to establish banking controls and standards, partnering with the General People’s Committee for Manpower and Training on civil service reform, and cooperating with the General People’s Committee for Economy and Trade in its WTO accession efforts.

BERRY GOLDRICH

Commento¶ 11. (S) Gli interessi finanziari di Gheddafi e dei suoi alleati chiave presentano opportunità e le sfide per gli sforzi di riforma in Libia. Come minimo, mi sembra corretto dire che la riforma avrà i suoi alti e bassi nel lungo termine, qualora entrassero in gioco interessi individuali, di regime e nazionali. Se e quando le pubblicazioni estere, diverranno disponibili in Libia, ci sarà un guadagno finanziario per Saif. Allo stesso tempo, la famiglia avrà ancora il controllo sul monitoraggio di quali informazione viene rilasciata al pubblico. Nel lungo termine, la richiesta di ulteriori informazioni da fuori creerà inevitabilmente pressione per un accesso aperto e maggiore libertà di stampa. Allo stesso modo, la Libia ha un impegno dichiarato nell’andare avanti con l’adesione all’OMC e con l’adesione agli organismi finanziari internazionali. Ma lo sta facendo con i propri tempi, con un calendario lento. Come riportato da Septel, il Congresso Generale del Popolo ha appena approvato nell’Aprile del 2006 la nuova agenzia e le regole di rappresentazione  che sono contrarie ai principi del WTO. Mentre il Comitato Generale del Popolo per l’Economia e il Commercio sta formando gruppi di lavoro che operano attivamente alla revisione della legislazione per preparare l’adesione all’OMC, ci vorrà del tempo per conciliare tutte le diverse strutture del governo della Jamahiriya (traduzione: “Stato delle masse”). Funzionari del governo libico stanno dicendo da 10 mesi all’ufficiale politico/economico che l’adesione all’OMC sarà presentata a Ginevra “in poche settimane, e che solo la traduzione deve essere finita”. Lo sviluppo delle istituzioni è molto primitivo e i libici hanno una cultura e una preferenza sociale verso gli elementi dell’economia distributiva, ponendo grande valore verso i ritorni finanziari che derivano dall’appartenenza alla leadership di regime, ai servizi di sicurezza ecc. Ci fu una spedizione di BMW consegnate al governo nel 2006, per esempio, e sembra probabile che i giovani uomini alla loro guida in città abbiano ricevuto i veicoli “distribuiti” grazie alla loro affiliazione a diverse entità governative. Per quanto riguarda gli sforzi per una partnership della riforma, ci sono le maggiori opportunità per promuovere un cambiamento positivo, impegnandosi negli sforzi della Banca Centrale di istituire controlli e standard bancari in partnership con il Comitato Generale per l’Occupazione e la Formazione sulla riforma della pubblica amministrazione, e cooperando con il generale Comitato Generale del Popolo per l’Economia e il Commercio nel suo sforzo di adesione al WTO.

BERRY GOLDRICH

EnGiCav