Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

 

Riscontro positivo 06: richiesta informazioni via e-mail

From:   XXXXX (CTD)(FBI)

Sent:    Wednesday, July 14, 2004 2:58 AM

To:       XXXXX (INSD)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

Yes. There was an incident of observation of a detainee in a “stress position”.  This was within the regs of military techniques but outside MIOG (No Bureau personnel involved). That was the limit of direct observations. In terms of knowledge of ‘mistreatment’ I can speak to that in great detail from formal meetings which I attended and informal discussions with DoD personnel. BC

—–Original Message—–

From:   XXXXX (INSD)(FBI)

Sent:    Wednesday, July 14, 2004 2:54 PM

To:       XXXXX (CTD)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

OK, l will print this out and retain for where the interviews start. I will take this as a negative response for Bureau employees. Any observations of other agencies mistreatment of detainees?

—–Original Message—–

From:   XXXXX (CTD)(FBI)

Sent:    Wednesday, July 14, 2004 2:38 PM

To:       XXXXX (CTD)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

At that time, it seemed the Bureau’s focus was identifying any liability in the form of direct involvement. I would be happy to sit down with you and walk you through what I saw as the predictable onset of aggressive treatment, interrogations or interview techniques. In short, the Bureau personnel there had no direct participation: But I think I may be able to assist in describing the landscape for you and giving you the details about where some things went off the tracks. I just moved to TTIC (Tyson’s Corner) and am phone-less, but I have this e-mail.

Da: XXXXX(Corbett) (CTD) (FBI)

Sent: Mercoledì 14 Luglio, 2004 02:58

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Sì. C’è stato un episodio durante l’osservazione di un detenuto in una “posizione di stress”. Questo era all’interno di regolamenti di tecniche militari, ma fuori dal “Manual of Investigative Operations and Guidelines” (Nessun personale FBI coinvolto). Quello era il limite delle osservazioni dirette. In termini di conoscenza di ‘maltrattamenti’ posso parlare a grandi linee degli incontri formali a cui ho partecipato e delle discussioni informali con il personale del Dipartimento della Difesa. BC(orbett)
—– Original Message —–

Da: XXXXX (INSD) (FBI)

Sent: Mercoledì 14 Luglio, 2004 02:54 PM

A: XXXXX(Corbett) (CTD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

OK, Terrò da parte questo e conserverò da dove cominciano le inerviste. Porterò questa come una riscontro negativa per impiegati FBI. Eventuali osservazioni maltrattamenti sui detenuti da parte di altre agenzie?
—– Original Message —–

Da: XXXXX(Corbett) (CTD) (FBI)

Sent: Mercoledì 14 Luglio, 2004 02:38 PM

A: XXXXX (CTD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

A quel tempo, sembrava che l’attenzione dell’FBI fosse concentrata nell’individuare eventuali responsabilità nella forma di coinvolgimento diretto. Sarei felice di sedermi con voi e ripercorrere quello che ho visto come l’inizio prevedibile di un trattamento aggressivo, tecniche di interrogatorio o di intervista. In breve, il personale dell’FBI non ebbe alcuna partecipazione diretta: Ma penso di essere in grado di assistervi nel descrivere l’ambiente e per darvi i dettagli su dove alcune cose andarono fuori controllo. Sono stato appena trasferito al “Terrorist Threat Integration Center” (Tyson’s Corner) e sono senza telefono, ma ho questa e-mail.

Riscontro positivo 06: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION

Date of transcription: 09/15/2004

XXXXX, Special Agent (SA), Counterterrorism Division, FBI Headquarters, EOD: XXXXX was contacted regarding his knowledge of any aggressive treatment, interrogations, or interview techniques at Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). After being advised as to the identity of the interviewing XXXXX provided the following information to thirteen special inquiry questions:

XXXXX described his 15 month TDY assignment at GTMO as a Case Agent tasked to participate in detainee interviews. During his tenure, XXXXX was part of an interview team which consisted of FBI investigator(s), Department of Defense (DoD) investigator(s), and a translator. Investigator(s) representing DoD, were from Army Criminal Investigative Division (CID), Air Force Office of Special Investigations (OSI), and naval Criminal Investigative Service (NCIS). According to XXXXX, the FBI SA usually took the lead role during detainee interviews. However, DoD Investigators also participated in detainee interviews and on occasion took the lead.

XXXXX never participated in any aggressive treatment, interrogations, or interview techniques employed on detainees at GTMO inconsistent with FBI or DOJ policy/guidelines. However, during the summer of 2002, walked into a Camp Delta observation room and noticed a detainee in a interview room rubbing his leg due to possibly being placed in a stress position. The detainee was wearing leg irons and was handcuffed with cuffs chained to his waist. XXXXX advised the chains were adjusted to force the detainee to stand in a “baseball catcher” position. The detainee was being questioned by two military officers. XXXXX was unable to proved the names of the military officers or the name or number of the detainee. XXXXX verbally reported this incident to XXXXX (JAG, USMC Reserve). XXXXX did not have any substantive contact with XXXXX regarding this matter.

XXXXX advised that during the fall of 2002, detainee ### was being held in the Navy Brig at Camp Delta. According to XXXXX the FBI questioned ### for approximately two months with negative results. The military then moved detainee ### to Camp X-Ray. General Geoff Miller requested permission to utilize “special interrogative techniques” on detainee # XXX. Corbett stated the FBI and DoD investigators had no further contact with detainee # XXX, once he was transferred to Camp X-ray.

During December 2002, Lieutenant XXXXX, Nurse, U.S. Navy, informed XXXXX that detainee # XXX had been admitted to the base hospital for hypotermia. During a daily staff meeting, XXXXX inquired about detainee # XXX being admitted to the hospital for hypotermia. Lieutenant Colonel XXXXX advised XXXXX that detainee # XXX was not diagnosed with hypotermia. XXXXX told XXXXX that detainee # XXX had low blood pressure along with low body core temperature. According to XXXXX, no additional information was provided to him regarding detainee # XXX.

XXXXX described his understanding of DoD authorization for the permitted use of harsh/aggressive interrogation techniques as “very unclear”. XXXXX advised he became aware of DoD authorized techniques via meetings with General Miller.

XXXXX had no substantive contact with Military Police or other U.S. government personnel at GTMO regarding detainee conditions or treatment and was unaware of any specific allegations of misconduct or mistreatment by U.S. personnel alleged by interviewees or others. XXXXX stated he had no pictures, video, audio, notes, or other documentation  which depicted or described aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed at GTMO or knowledge of anyone else who has in possession of such items.

Federal Bureau of Investigation

Data di trascrizione: 15/09/2004

XXXXX(Corbett), agente speciale (SA), Divisione antiterrorismo, quartier generale dell’FBI, “Entered On Duty”: XXXXX, è stato contattato per quanto riguarda la sua conoscenza di qualsiasi trattamento aggressivo, tecniche di interrogatorio o di intervista a Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). Dopo essere stato avvisato circa l’identità dell’intervistante, XXXXX(Corbett) ha fornito le seguenti informazioni a tredici domande dell’inchiesta speciale:

XXXXX(Corbett) ha descritto i suoi 15 mesi di assegnazione temporanea a Guantanamo come agente di Custodia con il compito di partecipare ai colloqui dei detenuti. Durante il suo mandato, XXXXX(Corbett) faceva parte di un team di intervista che consisteva di investigatore(i) dell’FBI, investigatore(i) del Dipartimento della Difesa (DoD), e un traduttore. Investigatore(i) in rappresentanza del Dipartimento della Difesa, appartenevano al Criminal Investigative Division (CID) dell’Esercito, all’Ufficio Indagini Speciali (OSI) dell’Aeronautica, e al Naval Criminal Investigative Service (NCIS). Secondo XXXXX(Corbett), l’agente speciale dell’FBI di solito aveva il ruolo principale durante i colloqui dei detenuti. Tuttavia, investigatori del Dipartimento della Difesa parteciparono anche a colloqui con detenuti e in alcune occasioni ne presero il comando.

XXXXX(Corbett) non ha mai partecipato ad alcun trattamento aggressivo, tecniche di interrogatorio o di intervista impiegati su detenuti GTMO incompatibili con le policies e le linee guida dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia. Ad ogni modo, durante l’estate del 2002, egli entrò in una stanza di osservazione a Camp Delta e notò un detenuto in una sala delle udienze che si stava strofinando la gamba forse perché era stato collocato in una posizione di stress. Il detenuto indossava ceppi ed era ammanettato con polsini incatenati alla sua vita. XXXXX informò che le catene erano state sistemate per costringere il detenuto a stare in una posizione di “ricevitore di baseball”. Il detenuto era stato interrogato da due ufficiali militari. XXXXX(Corbett) non fu in grado di ricordare i nomi degli ufficiali militari o il nome o il numero del detenuto. XXXXX riferì verbalmente questo episodio a XXXXX (JAG, Riserva USMC). XXXXX(Corbett) non ha avuto alcun contatto sostanziale con XXXXX riguardo a questa materia.

XXXXX(Corbett) informò che durante l’autunno del 2002, il detenuto ### era detenuto nel Navy Brig a Camp Delta. Secondo XXXXX l’FBI interrogò il detenuto ### per circa due mesi con risultati negativi. Quindi l’esercito trasferì il detenuto ### a Camp X-Ray. Il Generale Geoff Miller chiese il permesso di utilizzare “tecniche interrogatorio speciali” sul detenuto ###. Corbett ha dichiarato che l’Fbi e gli investigatori del Dipartimento della Difesa non ha avuto ulteriori contatti con il detenuto ###, una volta trasferito a Camp X-ray.

Nel mese di dicembre 2002, il tenente XXXXX, Infermiere della Marina USA, US Navy, informò XXXXX(Corbett) che il detenuti ### era stato ricoverato all’ospedale della base per ipotermia. Nel corso di una riunione quotidiana del personale, XXXXX(Corbett) domandò perché il detenuto ### fosse stato ricoverato in ospedale per ipotermia. Il Tenente Colonnello XXXXX disse a XXXXX(Corbett), che al detenuto ### non era stata diagnosticata un’ipotermia. XXXXX disse a XXXXX(Corbett) che il detenuto ### aveva una pressione arteriosa bassa con bassa temperatura corporea. Stando ad XXXXX(Corbett), non fu fornita a lui ulteriore informazione riguardo al detenuto ###.

XXXXX ha descritto come “molto poco chiara” la sua conoscenza dell’autorizzazione del Dipartimento della Difesa all’uso di tecniche di interrogatorio dure / aggressive. XXXXX(Corbett) disse che si rese conto di tecniche autorizzate del Dipartimento della Difesa mediante incontri con il generale Miller.

XXXXX(Corbett) non ebbe alcun contatto sostanziale con la Polizia Militare o altro personale del governo americano a Guantanamo sulle condizioni dei detenuti o di trattamento e non fu a conoscenza di eventuali accuse specifiche relative a cattiva condotta o a maltrattamenti da parte di personale statunitense come ipotizzati dagli intervistati o da altri. XXXXX ha dichiarato di non avere foto, video, audio, note o altri documenti che raffigurassero o descrivessero trattamento aggressivo, tecniche di interrogatorio o di intervista impiegate presso Guantanamo o la conoscenza di chiunque altro fosse in possesso di tali oggetti.

 EnGiCav