Ad inizio Giugno 2008 l’Ambasciatore Spogli incontra Berlusconi per discutere assieme a lui le principali questioni di politica estera, allo scopo di preparare l’incontro del 12 Giugno successivo con il Presidente Americano Bush. Tra gli altri argomenti, ve n’è uno che riguarda il pagamento fatto dai nostri referenti in Afghanistan ai signorotti locali, talebani o altri combattenti, allo scopo evidentemente di salvaguardare le nostre truppe da attentati dinamitardi o da attacchi. Il presidente Berlusconi recepisce la critica mossa dal governo USA e si ripromette di far cessare questi pagamenti sottobanco. La questione è stata ripresa di recente (siamo ad Agosto 2011) dal gruppo editoriale Repubblica-L’Espresso, pubblicizzandola con queste parole: “Tangenti talebane. Bush a Berlusconi: ‘smetti di pagare gli afghani per evitare gli attacchi agli italiani’ ” (http://racconta.espresso.repubblica.it/espresso-wikileaks-database-italia/dettaglio.php?id=69).

Sebbene quanto scritto sia ineccepibile dal punto di vista formale, un lettore distratto può intendere dal testo che è stato Berlusconi ad avallare questi pagamenti acculti. In realtà Berlusconi era subentrato al potere da appena un mese, mentre si presume che tali pagamenti fossero stati avallati in tempi precedenti, certamente dal governo Prodi-D’Alema. Poiché l’Ambasciatore Spogli si rivolge al Primo Ministro in carica, forse la traduzione più opportuna sarebbe stata: “Tangenti talebane. Gli USA all’Italia: smettete di pagare gli afghani per evitare gli attacchi agli italiani”… Ora, Berlusconi avrebbe comunque continuato a pagare sottobanco i signorotti locali? Probabilmente sì, ma teniamoci almeno il dubbio sulla questione. A mio avviso in questo cablo è più pesante e significativo il consenso del nostro Premier agli OGM…

 

Reference ID Created Released Classification Origin

08ROME726

2008-06-09 11:52

2011-08-12 11:00

SECRET//NOFORN

Embassy Rome

 

S E C R E T ROME 000726
NOFORN
SIPDIS
E.O. 12958: DECL: 06/05/2023
TAGS: PREL NATO ETRD IT
SUBJECT: ITALY: PM BERLUSCONI IN BROAD AGREEMENT ON KEY FOREIGN POLICY ISSUES
Classified By: Ambassador Ronald P. Spogli for reasons 1.4 (b) a…
E.O. 12958: DECL: 06/05/2023
TAGS: PREL NATO ETRD IT
S E C R E T ROME 000726
NOFORN
SIPDIS
E.O. 12958: DECL: 06/05/2023
TAGS: PREL NATO ETRD IT
OGGETTO: ITALIA: Il Primo Ministro BERLUSCONI in ampio accordo sulle principali questioni di politica estera
Classified By: Ambassador Ronald P. Spogli for reasons 1.4 (b) a…
E.O. 12958: DECL: 06/05/2023
TAGS: PREL NATO ETRD IT
¶1. (C/NF) The Ambassador met June 6 with PM Silvio Berlusconi and U/S Gianni Letta to frame issues President Bush may discuss with Berlusconi during their June 12 bilateral meeting in Rome.  Berlusconi said he saw no problematic issues in the U.S.-Italian relationship.  In office for less than one month, Berlusconi indicated his government’s thinking on several matters was still evolving. ¶ 1. (C / NF) L’Ambasciatore si è incontrato il 6 giugno (2008) con Silvio Berlusconi e il Sottosegretario Gianni Letta per inquadrare i problemi che il presidente Bush potrà discutere con Berlusconi nel corso del loro incontro bilaterale il 12 giugno a Roma. Berlusconi ha detto di non aver visto alcune questioni problematiche nelle relazioni USA-Italia. In carica da meno di un mese, Berlusconi ha indicato il pensiero del suo governo su varie questioni ancora in evoluzione.
¶2. (C/NF) The Ambassador said the President may discuss lifting caveats in Afghanistan, increasing pressure on Iran, Italian energy security, and Lebanon.  Independently, Berlusconi raised GMOs, which he described as “the only way to feed the world,” noting that the current situation had reinforced his support for GMOs. ¶ 2. (C / NF) L’ambasciatore ha detto che il presidente (Bush) potrebbe discutere di come sollevare questioni in Afghanistan, di come aumentare la pressione sull’Iran, sulla sicurezza energetica italiana, e sul Libano. Indipendentemente, Berlusconi ha preso in considerazione dli OGM, che ha descritto come “l’unico modo per nutrire il mondo”, notando che la situazione attuale ha rafforzato il suo supporto agli OGM.
¶3. (S/NF) Afghanistan: The Ambassador thanked Berlusconi for Italy’s commitments in Afghanistan and urged Berlusconi to lift caveats, especially geographic ones limiting freedom of movement.  The Ambassador noted these prevented Italian Carabinieri from providing on-site training and mentoring to Afghan police.  Letta said the GOI was committed to increasing operational flexibility for Italian soldiers deployed to Afghanistan and was working on how it would do that.  The Ambassador also told Berlusconi that we continue to receive disturbing reports of Italians paying-off local warlords and other combatants.  Berlusconi agreed this should stop. ¶ 3. (S / NF) Afghanistan: L’ambasciatore ha ringraziato Berlusconi per l’impegno dell’Italia in Afghanistan e ha invitato Berlusconi a sollevare riserve, specialmente quelle geografiche che limitano la libertà di movimento. L’ambasciatore ha evidenziato che queste hanno impedito ai Carabinieri italiani di fornire in loco la formazione e il tutoraggio alla polizia afghana. Letta ha detto che il governo italiano era impegnato ad aumentare la flessibilità operativa verso i soldati italiani impiegati in Afghanistan e stava lavorando su come potesse funzionare effettivamente. L’ambasciatore ha anche detto a Berlusconi, che noi continuiamo a ricevere segnalazioni inquietanti di italiani che pagano di nascosto signori della guerra locali e altri combattenti. Berlusconi è stato d’accordo affinché questo si dovesse fermare.
¶4. (C/NF) Iran: The Ambassador complimented Berlusconi for the recent tough tone his government has taken on Iran and said the President would want to discuss how to increase pressure on the Iranian regime.  Berlusconi called Ahmadinejad a “crazy nut” who must be isolated and asked how his government should respond to Italian companies asking about doing business in Iran.  The Ambassador replied firmly, no new investments. ¶ 4. (C / NF) Iran: L’ambasciatore si è complimentato con Berlusconi per il recente duro tono che il suo governo ha assunto verso l’Iran e ha detto che il presidente (Bush) vorrebbe discutere su come aumentare la pressione sul regime iraniano. Berlusconi ha definito Ahmadinejad una “testa matta” che deve essere isolato e ha chiesto come il suo governo dovrebbe rispondere alle imprese italiane che chiedono di fare affari in Iran. L’ambasciatore ha risposto con fermezza, nessun nuovo investimento.
¶5. (C/NF) Energy Security: The Ambassador told Berlusconi the President was keenly interested in energy security and praised favorably recent positions taken by government  figures in support of nuclear power generation. He added that while we are not anti-Russia, Europe’s (including Italy’s) over-reliance on Russia for its energy needs was a serious concern.  Berlusconi agreed, saying his government will pursue several avenues toward energy diversification while noting that Italy’s energy dependence required strong relations with Russia. ¶ 5. (C / NF) Sicurezza energetica: L’ambasciatore ha detto a Berlusconi che il Presidente era profondamente interessato alla sicurezza energetica ed ha elogiato favorevolmente le recenti prese di posizione dei responsabili governativi a sostegno della produzione di energia nucleare. Ha aggiunto che, sebbene noi non siamo anti-Russia, l’eccessiva dipendenza dell’Europa (compresa l’Italia) dalla Russia per il proprio fabbisogno energetico era una preoccupazione seria. Berlusconi si è dimostrato d’accordo, dicendo che il suo governo porterà avanti strade diverse verso la diversificazione energetica pur rilevando che la dipendenza energetica dell’Italia ha richiesto forti relazioni con la Russia.
¶6. (C/NF) Lebanon: The Ambassador told Berlusconi the President would likely be interested in his views on Lebanon and UNIFIL.  Letta responded that the government was still reviewing its thinking on Lebanon. ¶ 6. (C / NF) Libano: L’ambasciatore ha detto a Berlusconi che il presidente (Bush) sarebbe probabilmente interessato alle sue opinioni su Libano e UNIFIL. Letta ha risposto che il governo stava ancora esaminando il proprio pensiero sul Libano.
¶7. (C/NF) COMMENT: Berlusconi is very much looking forward to the President’s visit, sees himself and Italy as being on the same page as the U.S., virtually across the board, and will be ready to discuss all of the above issues with POTUS on June 12.SPOGLI ¶ 7. (C / NF) COMMENTO: Berlusconi è molto impaziente per la visita del Presidente (Bush), vede se stesso e l’Italia sulla stessa pagina degli Stati Uniti, praticamente su tutta la linea, e sarà pronto a discutere tutte le questioni di cui sopra con POTUS (Bush) il 12 giugno.Spogli

EnGiCav