Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

 

 

Riscontro positivo 18: richiesta informazioni via e-mail

XXXXX (INSD)(FBI)
From:               XXXXX (AQ)(FBI)
Sent:                Monday, July 26, 2004 2:52 PM
To:                   XXXXX (INSD)(FBI)
Subject:           GTMO InquirySENSITIVE BUT UNCLASSIFIED
NON-RECORD

For list reconciliation purposes, SA XXXXX Albuquerque Division, did not personally observe abusive behavior towards detainee while at GTMO. AS indicated in my EC, instances or reported abuse by detainees were reported via interview FD-302s.

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION
Precedence:     Routine
Date:                07/23/2004
To:                   Inspection
Attn:                 Unit Chief XXXXX
                        Room 7837
From:               Albuquerque
                        Squad 6/LCRA
                        Contact:           XXXXX
Approved by:   XXXXX
Drafted by:       XXXXX

Case ID #:        Counterterrorism Division
                        GTMO
                        Inspection Special Inquiry

Synopsis:         Response of Acting SSRA XXXXX regarding GTMO interrogations

Details: SA XXXXX was TDY to GTMO beginning March 28, 2003 for 45 days and participated in interrogations. Almost exclusively with U.S. Army CID officer XXXXX. At the outset, SA XXXXX and other Bureau personnel arriving at GTMO were instructed in a closed-door orientation to abide by Bureau policy and guidelines in conducting interrogations, with the exception that detainees were not to be given Miranda warnings. Bureau personnel were clearly told that the FBI did not condone or participate in some military interrogation techniques. This reference was made specifically to interrogation techniques. This reference was made specifically to interrogation techniques of military intelligence officers, not to other military members of the Criminal Investigative Task Force. SA XXXXX did not witness any abusive treatment of detainees during interrogations or otherwise.
Occasionally, during interview sessions, detainees complained of inappropriate behavior by military personnel. Such Complaints were incorporated into interview FD-302s per instructions of Bureau management. An example of such a report can be found in 315N-MM-C99102-AA40, serial 13, in which a detainee alleged a female guard removed her blouse and, while pressing her body against a shackled and restrained detainee from behind, handled his genitalia and wiped menstrual blood on his head and face as a form of punishment for lack of Cooperation, .The detainee stated this person returned from the interrogation with blood visible on his face and head.

 

XXXXX (INSD) (FBI)
Da: XXXXX (AQ) (FBI)
Spedito: Lunedi 26 Luglio 2004 14:52
A: XXXXX (INSD) (FBI)
Oggetto: Richiesta GTMOSENSIBILE MA NON CLASSIFICATO
NON-RECORD

Ai fini della riconciliazione della lista, l’Agente Speciale XXXXX della Divisione di Albuquerque non ha personalmente osservato comportamento offensivo nei confronti dei detenuti mentre era a Guantanamo. Come indicato nel mio modulo CE, le istanze o l’abuso segnalato da parte dei detenuti sono stati segnalati attraverso moduli di intervista FD-302.

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO
Federal Bureau of Investigation
Precedenza: routine
Data: 2004/07/23
A: ispezione
All’attenzione di: Capo Unità di XXXXX
Stanza 7837
Da: Albuquerque
Squadra 6/LCRA
Contatto: XXXXX
Approvato da: XXXXX
Redatto da: XXXXX

Caso ID #: divisione antiterrorismo
Guantanamo
Richiesta di indagine speciale

Oggetto: Risposta del Supervisory Senior Resident Agent  XXXXX in servizio per quanto riguarda gli interrogatori a Guantanamo

Dettagli: l’Agente Speciale XXXXX è stato in servizio temporaneo a Guantanamo dal 28 marzo 2003 per 45 giorni e ha partecipato ad interrogatori. Quasi esclusivamente con il funzionario della Criminal Investigative Division dell’esercito americano XXXXX. All’inizio, l’agente speciale XXXXX e il personale dell’FBI altri che era arrivato a Guantanamo sono stati istruiti in una riunione orientativa a porte chiuse nel rispettare le policies e le linee guida dell’FBI nella conduzione degli interrogatori, con l’eccezione che ai detenuti non venissero dati avvisi Miranda (avvertimenti dati dalla polizia ad un sospetto criminale di ricevere consulenza sul diritto costituzionale contro l’auto-incriminazione e sul diritto ad avere un avvocato presente durante ogni interrogatorio, ndr). Al personale dell’FBI venne chiaramente detto che il FBI non avrebbe perdonato chi avesse partecipato a a qualche tecnica di interrogatorio militare. Tale riferimento venne fatto appositamente per le tecniche di interrogatorio. Questo riferimento fu fatto in particolare alle tecniche di interrogatorio di ufficiali dell’intelligence militare, non ad altri membri militari della Task Force della divisione investigativa criminale. L’agente speciale XXXXX non ha assistito ad alcun trattamento abusivo verso detenuti durante gli interrogatori o altro.
Occasionalmente, durante le sessioni di intervista, i detenuti si lamentavano del comportamento inappropriato del personale militare. Tali denunce sono state incorporate in moduli di intervista FD-302 come da istruzioni di gestione dell’FBI. Un esempio di tale relazione può essere trovato nel modulo 315N-MM-C99102-AA40, seriale 13, in cui un detenuto ha accusato che una guardia femmina si era tolta la sua camicia e, mentre premeva il suo corpo contro un detenuto ammanettato e trattenuto da dietro, gli manipolava i genitali e si asciugava il sangue mestruale sulla sua testa e sul suo viso come una forma di punizione per la mancanza di cooperazione. Il detenuto ha affermato che questa persona era tornata dall’interrogatorio con il sangue visibile sul suo volto e sulla testa.

Riscontro positivo 18: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATIONDate of transcription:    04/21/2003

XXXXX Internment Serial Number (ISN) ###, an Egyptian male, was interviewed at Camp Delta, United States, Naval Base Guantanamo Bay, Cuba, by Special Agents XXXXX of the Federal Bureau of Investigation and XXXXX of the United States Army Criminal Investigations Division. Contract linguist XXXXX interpreted between Arabic and English. The following occurred during the two-hour interview:
The first fifteen minutes of the interview occurred in English. XXXXX said he learned what English he knows at the University of Cairo, Egypt. He appeared to have approximately a 2 level command of.English on a 5 scale. He smiled frequently and made some attemps at humor. XXXXX said he had been interview by a man this morning. The interviewer would not say what agency he represented. After small talk, XXXXX requested the interview continue in Arabic.
XXXXX became serious and said he learned after coming to Camp Delta that the Egyptian government has accused him of being part of a 1995 plot to assassinate President Mubarek. They also say he is part of an organization called Al Wa’ad. He then said he wanted to describe what the Egyptian government is like. He said in 1981, a law was passed in Egypt which says he can be tried in Egypt without any rights and without a lawyer, and that the death penalty can be imposed on him. This law places civilian courts, not military courts. He also said the Egyptian government conducts operations such as bombings and blames on Islamic groups to justify their actions against such groups. This happens under past administrations,in Egypt also.
XXXXX said the accusations of the Egyptian government against him, such as his alleged part in the assassination plot, are not true. He reasoned that, if these things were true, he would have been arrested by Egyptian authorities while he was in Egypt. After all, he said, it was not as if the allegation were that he had robbed a bank, it was a plot to kill the President of Egypt. Yet he was able to fly out of cairo using a valid passport in his true name. It was only after he traveled to Afghanistan and was arrested that the allegations were made. He believes he is one of many who were arrested as a response to the September 11, 2001 attacks in order to show that the United States was doing something about the attacks.
XXXXX said he has found all the interrogators to be liars. He does not trust any of them. He gave an example of the behavior of Americans. A detainee returned from an interrogation with blood on his face and head. He said a female interrogator, after not getting cooperation from him, called four guards into the room. While the guards held him, she removed her blouse, embraced the detainee from behind and put her hand on his genitals. The interrogator was on her menstrual period and she wiped blood from her body on his face and head. He said he asked one guard, “Why do you hate me?” The guard responded, “If I could, I would kill you.”
XXXXX complained no one has told him what he is accused of doing. He is ready to he tried if there is evidence against him. He offered that there are three possible outcomes for him:
1.         He will face a military tribunal
2.         He will be returned to Egypt, where he will face lice imprisonment and torture
3.         He will be released to a country where he can claim political asylum
He said he understands the impact  of the September 11 attacks. But he complained about the treatment he has received during his arrest, transport, and detention. He said the prisons in Egypt are better than here  But he declined to say how he knew the difference. He denied ever telling previous interrogators that he had been tortured before by Egyptian authorities.
According to XXXXX, before; he was arrested, he believed in the humane treatment of prisoners in the United States. For this reason, when he was first interrogated, he cooperated with interrogators. But he found his assumptions about treatment in the U.S. system to be incorrect. He believes the United States extends no rights to Arabs. He doubts anyone who interviews him will be honest with him. He believes the U.S. intelligence agencies override decisions of the U.S. military and that Jewish people control the American media.
The interviewers explained to XXXXX that he was detained during a time of war  and that he falls under a military system of justice. This is why he is not being afforded the same rights as people who face civil tribunals. XXXXX asked what would be done with him. He was told he will either be tried or released. He said he believes he will be returned to Egypt. He was told the United States is not following the dictates of the Egyptian government, that the possibility of political asylum was mentioned in his file, and that his fate was not certain. The interviewers are trying to determine who is linked to the Taliban and to Al Qaeda.
He said he knows how both the CIA and the FBI operate. He knows how they do things, and how they try to obtain information. He would not say how he knows these things.
He then asked, if the intention is to turn him back to Egypt, why not just turn him over now ? He was told there are too many unanswered questions to let him go immediately He said he believed from the interviewers’ point of view, he is either associated with the Taliban and Al Qaeda, or he he was just caught in the net, so why not get as much intelligence from him as possible. As soon as the interrogators get all they can from him, they will hand him over to Egypt “on a plate”.
This conversation was followed by a discussion of how trust could be developed between SA XXXXX who would be at Camp Delta long enough to have repeated meetings, and XXXXX . An offer was made to hold more frequent interviews. In this way, perhaps some trust could be developed and XXXXX would feel comfortable opening up and providing his complete history, which could help him complete the process at Guantanamo Bay. XXXXX seemed willing to address this proposal. He then asked what time it was and asked if he could say his prayers. The interview was ended with the understanding that another interview would occurr in two weeks, at which time this proposal could be discussed again.

Federal Bureau of InvestigationData di trascrizione: 21/04/2003

XXXXX, numero seriale di internamento (ISN) ###, un maschio egiziano, è stato intervistato a Camp Delta, Stati Uniti, base navale di Guantanamo Bay, a Cuba, dagli agenti speciali XXXXX del Federal Bureau of Investigation e XXXXX della Divisione delle Investigazioni Criminali dell’Esercito degli Stati Uniti. L’interprete a contratto XXXXX ha tradotto dall’arabo all’inglese. Di seguito si sono verificati durante le due ore di intervista i seguenti eventi:
I primi quindici minuti di intervista sono stati fatti in inglese. XXXXX ha detto di aver imparato l’inglese all’Università del Cairo, in Egitto. Lui sembrava avere un livello 2 di conoscenza dell’Inglese su una scala di 5. Ha sorriso spesso e ha fatto alcuni tentativi di essere spiritoso. XXXXX ha dichiarato che era stato intervistato da un uomo questa mattina. L’intervistatore non gli ha detto che agenzia rappresentasse. Dopo alcune chiacchiere, XXXXX ha chiesto che il colloquio continuasse in arabo.
XXXXX è diventato serio e detto di aver appreso dopo il suo arrivo a Camp Delta, che il governo egiziano lo ha accusato di essere parte di un complotto del 1995 per assassinare il presidente Mubarak. Dicono anche che è parte di un’organizzazione chiamata Al Wa’ad. Ha poi detto che voleva descrivere com’è il governo egiziano. Ha detto che nel 1981 fu approvata una legge in Egitto, che dice che egli può essere giudicato in Egitto, senza diritti e senza un avvocato, e che su di lui può essere imposta la pena di morte. Questa legge è applicata da tribunali civili, non tribunali militari. Ha anche detto che il governo egiziano conduce operazioni quali attentati e accusa i gruppi islamici per giustificare le loro azioni contro questi gruppi. Questo è accaduto in passate amministrazioni, anche in Egitto.
XXXXX ha dichiarato che le accuse del governo egiziano contro di lui, come la sua presunta partecipazione nel complotto dell’assassinio, non sono vere. Egli ha pensato che, se queste cose fossero risultate vere, egli sarebbe stato arrestato dalle autorità egiziane mentre era ancora in Egitto. Dopo tutto, ha detto, l’accusa non era quella di aver rapinato una banca, ma di far parte di un complotto per uccidere il presidente dell’Egitto. Eppure è stato in grado di volare via dal Cairo con un vero passaporto valido a suo nome. Le accuse gli furono fatte solo dopo che lui si recò in Afghanistan e dopo che venne arrestato. Lui crede di essere uno dei tanti che sono stati arrestati in risposta agli attacchi dell’11 Settembre 2001 al fine di dimostrare che gli Stati Uniti stavano facendo qualcosa in risposta agli attacchi.
XXXXX ha detto di aver trovato tutti gli interroganti bugiardi. Lui non si fida di nessuno di loro. Ha dato un esempio del comportamento degli americani. Un detenuto era tornato da un interrogatorio con il sangue sul volto e sulla testa. Ha detto che un’interrogante femminile, dopo che non aveva ricevuto cooperazione da lui, aveva chiamato quattro guardie nella stanza. Mentre le guardie lo tenevano fermo, si era tolta la camicetta, aveva abbracciato il detenuto da dietro e gli aveva messo una mano sui genitali. L’interrogante era nel suo periodo mestruale e si era asciugata il sangue dal suo corpo sul viso e sulla testa di lui. Ha detto che lui ha chiesto ad una guardia: “Perché mi odi?” La guardia ha risposto: “Se potessi, ti ucciderei”.
XXXXX si è lamentato che nessuno gli ha detto di che cosa sia accusato. Egli è pronto a contestare se ci sono prove contro di lui. Ha offerto che ci sono tre possibili esiti per lui:
1. Egli dovrà affrontare un tribunale militare
2. Egli sarà restituito all’Egitto, dove affronterà il carcere e la tortura
3. Sarà rilasciato in un paese dove si può richiedere asilo politico
Ha detto che capisce l’impatto degli attacchi dell’11 settembre. Ma ha lamentato il trattamento che ha ricevuto durante il suo arresto, il trasporto e la detenzione. Ha detto che le prigioni in Egitto sono meglio di qui, ma ha rifiutato di dire come ne conoscesse la differenza. Ha negato di aver mai detto che in precedenti interrogatori era stato prima torturato dalle autorità egiziane.
Secondo XXXXX, prima di essere arrestato, credeva nel trattamento umano dei prigionieri da parte degli Stati Uniti. Per questo motivo, quando per la prima volta fu interrogato, egli collaborò con gli interroganti. Ma egli ha trovato la sua ipotesi circa il trattamento dei detenuti nel sistema degli Stati Uniti essere non corrette. Egli ritiene che gli Stati Uniti non estendano alcun diritto agli arabi. Dubita che chi lo intervista sarà onesto con lui. Egli ritiene che le agenzie di intelligence degli Stati Uniti ignorino le decisioni dei militari Usa e che gli ebrei controllano i media americani.
Gli intervistatori hanno spiegato ad XXXXX che egli era detenuto in un periodo di guerra e che ciò ricade in un sistema di giustizia militare. Questo è il motivo per cui non gli vengono concessi gli stessi diritti delle persone che affrontano tribunali civili. XXXXX ha chiesto cosa si sarebbe fatto a lui. Gli è stato detto che potrebbe essere processato o liberato. Ha detto che crede di essere rimandato in Egitto. Gli è stato detto che gli Stati Uniti non hanno intenzione di seguire i dettami del governo egiziano, che la possibilità di asilo politico è stato menzionata nel suo fascicolo, e che il suo destino non era certo. Gli interroganti stanno cercando di stabilire chi è legato ai talebani e chi ad Al Qaeda.
Ha detto di sapere come operano sia la CIA che l’FBI. Lui sa come si fanno le cose, e come cercare di ottenere informazioni. Non ha voluto dire come fa a sapere queste cose.
Ha poi chiesto, se l’intenzione è quella rispedirlo in Egitto, perché non lo fanno proprio ora? Gli è stato detto che ci sono troppe domande senza risposta per lasciarlo andare via subito. Lui ha detto di ritenere dal punto di vista degli interroganti, che egli fosse associato ai talebani che ad Al Qaeda, o che lui fosse stato da poco preso nella rete, quindi perché non ottenere informazioni il più possibile da lui. Non appena gli interroganti avrebbero ottenuto tutto il possibile da lui, lo avrebbero consegnato “su un piatto (d’argento)” all’Egitto.
Questa conversazione è stata seguita da una discussione su come la si potesse sviluppare la fiducia tra l’agente speciale XXXXX che era stato a Camp Delta abbastanza a lungo per avere incontri ripetuti, ed XXXXX. Venne fatta un’offerta per garantire interviste più frequenti. In questo modo, forse, si sarebbe potuta sviluppare una certa fiducia e XXXXX si sarebbe sentito più a suo agio offrendo così la sua storia completa, che lo potrebbe aiutare a completare il processo a Guantanamo Bay. XXXXX sembrava disposto ad affrontare questa proposta. Ha poi chiesto che ora fosse e ha chiesto se poteva dire le sue preghiere. L’intervista è stata conclusa con l’intesa che ci sarebbe stata un’altra intervista entro due settimane, momento in cui questa proposta si sarebbe potuta discutere nuovamente.

 EnGiCav