Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

 

 

Riscontro positivo 08: richiesta informazioni via e-mail

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION

Precedence:     IMMEDIATE

Date:                07/09/2004

To:                   Counterterrorism

                        Inspection

Attn:                 XXXXX

                        Room 7837

From:               Anchorage

                        Squad 3

                        Contact: SA XXXXX, x XXX

Approved by:   XXXXX

                        XXXXX

                        XXXXX

Drafted by:       XXXXX

Case ID #:        297-HQ-A1327669-A (Pending)

Title: COUNTERTERRORISM DIVISION, GTMO, INSPECTION SPECIAL INQUIRY

Synopsis:         To provide response to e-mail from Steven C. McGraw, Inspection Division on 07/09/2004

Details: The purpose of this electronic communication is to provide a response to an e-mail from Steven C. McGraw, Inspection Division on 07/09/2004.

Writer Anchorage Field Office Special Agent XXXXX briefly visited GTMO in 02/2002 to debrief a detainee as FISA case agent on the “Portland 7” counterterrorism. Investigation. While at GTMO,Writer observed no apparently improper aggressive treatment of detainees. Writer visited  GTMO for a period of approximately 3-4 days and returned to Portland Division, his office of assignment at the time.

Writer would add that when the detainee was brought into the interview shack at Camp Xray, the detainee appeared to suffer from physical injuries to include possible broken fingers and injuries to his face. When writer inquired as to the cause of the detainee’s injuries, writer learned that the detainee had recently exhibited non-compliance with a prison guard, and that the rapid reaction team was brought in to bring the detainee into compliance. Writer learned that no Bureau employees were involved in above incident.

Federal Bureau of Investigation

Precedenza: IMMEDIATA

Data: 07/09/2004

A: antiterrorismo

Ispezione

All’attenzione di: XXXXX

Stanza 7837

Da: Anchorage

Squadra 3

Contatto: SA XXXXX, x XXX

Approvato da: XXXXX

XXXXX

XXXXX

Redatto da: XXXXX

Caso ID #: 297-HQ-A1327669-A (aperto)

Titolo: DIVISIONE antiterrorismo, GTMO, RICHIESTA DI ISPEZIONE SPECIALI

Sintesi: Fornire risposta alle e-mail di Steven C. McGraw, Divisione di ispezione il 09/07/2004
Dettagli: Lo scopo di questa comunicazione elettronica è di fornire una risposta ad una e-mail di Steven C. McGraw, Divisione di ispezione sulla del 09/07/2004.

Lo scrivente Agente Speciale XXXXX dell’Ufficio Locale di Anchorage ha brevemente visitato Guantanamo nel Febbraio 2002 per fare rapporto su un detenuto in qualità di agente del caso FISA (Foreign Investigation Surveillance Act) riguardo l’indagine antiterrorismo “Portland 7”. Menre si trovava a Guantanamo, lo scrivente non vide alcun trattamento aggressivo apparentemente improprio sui detenuti. Lo scrivente ha visitato Guantanamo per un periodo di circa 3-4 giorni ed è tornato alla Divisione Portland, attualmente suo ufficio di assegnazione.

Lo scrivente aggiungerebbe che quando il detenuto venne portato nella baracca per le interviste a Camp Xray, il detenuto sembrava aver risentito di danni fisici incluse eventuali dita rotte e ferite al volto. Quando lo scrivente chiese riguardo la causa delle lesioni al detenuto, lo scrivente apprese che il detenuto aveva recentemente mancato di rispetto ad una guardia carceraria, e che il team di reazione rapida intervenne per riportare il detenuto in conformità. Lo scrivente apprese che nessun dipendente dell’FBI fu coinvolto nell’episodio di cui sopra.

Riscontro positivo 08: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION

Date of transcription:    09/09/2004

XXXXX, Special Agent, Entered on Duty (EOD) XXXXX currently assigned to the Anchorage Division, office telephone number XXXXX was advised of the official identity of the interviewing Supervisory Special Agent (SSA) and that the interview concerned ascertaining any information  possessed pertaining to the treatment and conditions of detainees at Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). XXXXX thereafter provided the following information:

XXXXX traveled to GTMO in February 2002, to debrief a detainee identified as XXXXX regarding case specific information on the “Portland 7” Counterterrorism matter. XXXXX was not a member of any interview team. As a a Co-case Agent of the Portland 7 case, XXXXX went to GTMO for the sole purpose of conducting one interview relating to that case.

The interview was conducted in a make shift plywood shack used for conducting interviews, located adjacent to the “Dog Cages” in Camp X-Ray. When the detainee was brought in for the interview, XXXXX observed the detainee had a black eye, facial cuts around the nose area, and his fingers on both hands were taped up. The detainee, who spoke English, said words to the effect “they”, motioning to the Military Police (MP) guards, had done this to him. A Colonel in charge of the MPs, whose name XXXXX could not recall, advised that the detainee’s injuries were sustained in a scuffle due to the detainee becoming non-compliant and had to be bought into compliance by a Rapid Response Team. The detainee also had a cast on one of his ankles which was for an injury sustained prior to the detainee’s arrival at GTMO.

XXXXX did not have any substantial dealing with any MPs, other military personnel, Department of Defense (DOD) civilians, or any other contractors at GTMO regarding detainees condition and treatment. XXXXX did not observe any aggressive or improper handling, treatment or techniques used by anyone on any of the detainees inconsistent with FBI or Department of Justice (DOJ) policy/guidelines. XXXXX had no understanding of what type of harsh or aggressive interrogation techniques were authorized by DOD. XXXXX did not ask anyone what the DOD policies were pertaining to the treatment of detainees as the thought it was beyond the scope of his duty. Since XXXXX was unaware of what DOD policies were pertaining to the treatment of detainees, he was unable to state whether any aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed, in his opinion, were inconsistent with any DOD policy. Other than the overall conditions, which XXXXX described as being harsh, and without air conditioning, but which everyone there, including U.S. military personnel were subjected to, he did not witness, or become aware of, any unduly harsh treatment. XXXXX attributed the overall conditions at GTMO in February 2002, as being due to the operation being in it’s relatively early stages.

XXXXX was not aware of any allegations of mistreatment of detainees made against any U.S. personnel: XXXXX did not have any pictures, video, notes or any other type of documentation which depicted or described any aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed on detainees at GTMO. XXXXX was not aware of anyone else in possession of, or the existence of, any such items.

XXXXX did not have any additional information relating to the treatment of detainees at GTMO.

Federal Bureau of Investigation

Data di trascrizione: 09/09/2004

L’agente speciale XXXXX, Entrato in Servizio (EOD) il XXXXX attualmente assegnato alla divisione di Anchorage, numero di telefono dell’ufficio XXXXX è stato informato dell’identità ufficiale dell’agente di vigilanza speciale (SSA) intervistante e che l’intervista in questione vuole accertare le relative informazioni possedute relative al trattamento e le condizioni dei detenuti a Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). XXXXX ha successivamente fornito le seguenti informazioni:

XXXXX si recò a Guantanamo nel febbraio 2002, per incontrare un detenuto identificato come XXXXX relativamente ad informazioni specifiche del caso in materia di antiterrorismo “Portland 7”. XXXXX non era un membro di ogni squadra di intervista. Come Agente collaboratore al caso Portland 7, XXXXX andò a Guantanamo al solo scopo di condurre una intervista relativamente a quel caso.

L’intervista venne condotta in una baracca in compensato semovibile utilizzata per lo svolgimento delle interviste, che si trova adiacente al “Gabbie Dog” nel Camp X-Ray. Quando il detenuto fu portato per l’intervista, XXXXX osservò che il detenuto aveva un occhio nero, tagli sul viso intorno alla zona del naso, e le sue dita su entrambe le mani erano fasciate. Il detenuto, che parlava inglese, disse parole che “essi”, accennando alle guardie della Polizia Militare (MP), avevano fatto questo a lui. Un colonnello a capo della Polizia Militare, il cui nome XXXXX non riusciva a ricordare, gli disse che le lesioni del detenuto erano state procurate in una rissa causata dal detenuto che non voleva conformarsi e dovette essere riportato all’ordine da parte di un team di pronto intervento. Il detenuto aveva anche una distorsione ad una delle sue caviglie, dovuta ad una ferita occorsa prima dell’arrivo del detenuto a Guantanamo.

XXXXX non ha avuto sostanzialmente a che fare con qualsiasi poliziotto, altro personale militare, civili del Dipartimento della Difesa (DOD), o qualsiasi altri consulenti a Guantanamo relativa alle condizioni e del trattamento dei detenuti. XXXXX non ha osservato alcuna aggressiva o impropria manipolazione, trattamento o tecniche utilizzate da chiunque su qualsiasi dei detenuti che fossero in contrasto con le policies/linee guida dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia (DOJ). XXXXX non aveva alcuna conoscenza di che tipo di tecniche di interrogatorio dure o aggressive fossero state autorizzate dal Dipartimento della Difesa. XXXXX non ha chiesto a nessuno quali fossero le politiche di pertinenza del DOD riguardo al trattamento dei detenuti in quanto pensava che ciò fosse oltre la portata del suo dovere. Non essendo XXXXX a conoscenza di quali politiche DOD fossero relative al trattamento dei detenuti, egli non fu in grado di affermare se trattamento aggressivo, interrogatori o tecniche di intervista utilizzate fossero, a suo giudizio, incompatibili con qualche policy del DOD. A parte le condizioni generali, che XXXXX descrisse come dure, e senza aria condizionata, ma che tutti i presenti, compreso il personale militare statunitense preposto, non fu testimone o non venne a conoscenza di qualsiasi trattamento eccessivamente duro. XXXXX ha attribuito la causa delle condizioni generali di Guantanamo nel febbraio 2002, al fatto che l’operazione era nella sua fase relativamente precoce.

XXXXX non è stato a conoscenza di accuse di maltrattamento di detenuti fatte contro qualche personale statunitense: XXXXX non è in possesso di foto, video, note o qualsiasi altro tipo di documentazione che raffiguri o descriva qualsiasi trattamento aggressivo, interrogatori o tecniche di intervista impiegati su detenuti GTMO . XXXXX non è stato a conoscenza di chiunque altro fosseo in possesso, o conoscesse l’esistenza di tali oggetti.

XXXXX non dispone di ulteriori informazioni relative al trattamento dei detenuti a GTMO.

EnGiCav