Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

 

 

Riscontro positivo 07: richiesta informazioni via e-mail

From:   XXXXX (INSD)(FBI)

To:       XXXXX (HO)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

Yes. I will put you down as a positive response. Thank you

 —–Original Message—–

From:               XXXXX (HO)(FBI)

Sent:                Friday, July 09, 2004 5:50 PM

To:                   XXXXX (INSD)(FBI)

Subject:                       RE: GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

I observed what may have been aggressive techniques used by non-FBI interrogators. Does this still fall into what you are looking into ?

SA XXXXX

Houston Division – Corpus Christi RA

XXXXX

From: XXXXX (HO)(FBI)

Sent: Wednesday, August 18, 2004 12:33 PM

To: XXXXX (INSD)(FBI)

Subject: RE: GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

A military interrogator and I were interviewing a new arrival at GTMO during the evening hours when we heard what sounded like thunder. After hearing several “thunderclaps” we stepped outside the interview room to take a break and see if the weather had made a drastic change from the clear skies we had witnessed prior to the start of our interview. As we walked down the hallway of the temporary building where the interview rooms were located, l glanced in an open doorway where I saw at least two individuals dressed in BDU’s standing and an inmate kneeling on the floor with his forehead on the ground. The inmate was holding his nose and crying. There was a smell amount of blood near the inmate’s face. I asked the BDU-clad personnel what happened. They explained that the inmate had become upset with them and threw himself to the floor (I had heard previously that one of the female military personnel would wet her hands and touch the inmates as part of their psych-ops to make the inmates feel “unclean” and upset them.) The inmate’s nose appeared to be bleeding. One of the military personnel left the room to retrieve a medical kit for the inmate. I saw nothing to contradict the military personnel’s explanation of events.

SA XXXXX

Houston Division – Corpus Christi RA

XXXXX

—–Original Message—–

From:               XXXXX (INSD)(FBI)

Sent:                Thursday, July 29, 2004 9:59 AM

To:                   XXXXX (HO)(FBI)

Subject.           RE: GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

Could You please provide a short summary of what you observed. Thanks.

—–Original Message—–

From:               XXXXX (HO)(FBI)

Sent:                Friday, July 09, 2004 5:50 PM

To:                   XXXXX (INSD)(FBI)

Subject.           RE: GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON RECORD

I observed what may have been aggressive techniques used by non-FBI interrogators. Does this still fall into you are looking into ?

SA XXXXX

Houston Division – Corpus Christi

XXXXX

Da: XXXXX (INSD) (FBI)

A: XXXXX (HO) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

Sì. La considererò come un riscontro positivo. Grazie
—– Original Message —–

Da: XXXXX (HO) (FBI)

Sent: Venerdì 9 luglio, 2004 05:50 PM

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Ho osservato ciò che potrebbero essere state tecniche aggressive utilizzate da interroganti non FBI. Ciò ricade in quello che stai cercando?

SA XXXXX

Houston Division – Corpus Christi RA

XXXXX

Da: XXXXX (HO) (FBI)

Sent: Mercoledì 18 agosto 2004 12:33

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Un interrogante militare ed io stavamo intervistando un nuovo arrivo a GTMO durante le ore serali quando abbiamo sentito quello che sembrava un tuono. Dopo aver ascoltato diversi “tuoni” siamo usciti fuori dalla stanza dell’intervista per prenderci una pausa e vedere se il tempo aveva fatto un cambiamento drastico dal cielo sereno che avevamo visto prima dell’inizio della nostra intervista. Mentre camminavamo lungo il corridoio dell’edificio temporaneo in cui si trovavano le stanze dell’intervista, diedi un’occhiata verso una porta aperta attraverso cui vidi almeno due persone vestite in tenuta BDU (Battle Dress Uniform) e un detenuto in ginocchio sul pavimento con la fronte a terra. Il detenuto si teneva il naso e piangeva. C’era una abbondante quantità di sangue vicino al viso del detenuto. Chiesi al personale in tenuta BDU cosa fosse successo. Mi spiegarono che il detenuto si era arrabbiato con loro e si era gettato a terra (avevo sentito in precedenza che personale militare femminile si sarebbe bagnata le mani – con sangue mestruale, ndr – e avrebbe toccato i detenuti nel contesto delle loro azioni psicologiche per fare sentire i detenuti “immondi” e sconvolgerli.) Il naso del detenuto sembrava stesse sanguinando. Uno dei militari lasciò la stanza per recuperare un kit medico per il detenuto. Non ho visto niente che contraddicesse la spiegazione degli eventi da parte del personale militare.

SA XXXXX

Houston Division – Corpus Christi RA

XXXXX

—– Original Message —–

Da: XXXXX (INSD) (FBI)

Sent: Giovedi July 29, 2004 09:59

A: XXXXX (HO) (FBI)

Oggetto. RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Potrebbe fornire una breve sintesi di ciò che si è osservato. Grazie.
—– Original Message —–

Da: XXXXX (HO) (FBI)

Sent: Venerdì 9 luglio, 2004 05:50 PM

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto. RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Ho osservato ciò che potrebbe essere state tecniche aggressive utilizzate da parte di interroganti non FBI. Ciò ricade ancora in quello che state cercando?

SA XXXXX

Houston Division – Corpus Christi

XXXXX

Riscontro positivo 07: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION

Date of transcription:    09/07/2004

Special Agent (SA) XXXXX Federal Bureau of Investigation (FBI), who entered on duty with the FBI on XXXXX and arrived at the Houson Division of the FBI, Corpus Christi Resident Agency (CCRA), on or about 01/22/1998, and whose telephone number is XXXXX was advised of the identity of the interviewing Assistant Inspector (AI) and the purpose of the interview. SA XXXXX then provided the following information telephonically:

SA XXXXX was assigned to an interviewing team at the detention facility at Guantanamo Bay, Cuba (GITMO), from about September until November 2002. The interviewing team consisted of three people, including SA XXXXX. Besides himself, SA XXXXX’s interviewing team included a contract linguist, and whose identity SA XXXXX could not recall, and an Army representative whose name SA XXXXX could not recall, either. The Army representative was from an organization similar to the Air Force’s Office of Special Investigations (AFOSI), an investigative entity; however, SA XXXXX could not recall the name of the organization. He was certain it was not a military intelligence entity since the activities of his interviewing team, deemed by officials at GITMO to be law enforcement activities, were separated from intelligence gathering interviews that military intelligence personnel and representatives from other government agencies performed. For most of his stay at GITMO, SA XXXXX and his team performed interviews in the morning. The afternoons and evenings were reserved for interviews conducted by those who were gathering intelligence. SA XXXXX did not know of the specific activities that occurred during the the afternoon and evening interviews.

Near the end of SA XXXXX’s tour of duty at GITMO, about two to three weeks before Thanksgiving, SA XXXXX was partnered with a female military intelligence enlisted person whose identity SA XXXXX could not recall, but who may have been a military reservist since she indicated to SA XXXXX that she was a probation officer in Los Angeles, California. SA XXXXX and the military intelligence soldier were detailed to an interviewing effort that focused on a recent group of detainee arrivals at GITMO. These interviews, unlike those he had performed with the other interviewing team, occurred in the evenings. The purpose of the interviews was to gain as much information as possible from the detainees before they were exposed to the general detainee population.

SA XXXXX heard through the person placed in charge of law enforcement agency personnel at GITMO that other government agencies were using female military intelligence personnel in psychological operations-type activities against the detainees. The person in charge, whose identity SA XXXXX could not recall, told SA XXXXX that in an effort to disrupt detainees who were praying during interrogations, female military intelligence personnel would wet their hands then touch the detainee’s face,, causing the detainee to stop praying because he considered himself unclean. The person responsible for law enforcement agency personnel emphasized to SA XXXXX that law enforcement agency personnel were not allowed to use this type of practice when interviewing detainees. SA XXXXX did not witness this technique, or anything similar to it, performed on a detainee.

SA did not have knowledge of interviewing tactics or techniques addressed in any type of Department of Defense policy since he never received a briefing or written materials describing such a policy. SA XXXXX was only aware of the technique of wetting of the hands from his conversation with the person placed in charge of law enforcement agency personnel.

Sometime near the the end of his tour at GITMO, when he was partnered with the military intelligence soldier, SA XXXXX and the soldier were conducting an evening interview of an Iraqi detainee who had been apprehended in Afghanistan. During the interview, SA XXXXX and the soldier heard banging sounds similar to claps of thunder, but were perplexed by the sounds since there had not been any indication of rain when they entered the interviewing facility. They decided to exit the facility to investigate the sounds.

As SA XXXXX and and the soldier were exiting the interviewing facility, they noticed a detainee on the floor in another interviewing room, “crumpled over”, and crying. SA XXXXX asked the personnel in the interviewing room, all of whom appeared to be military personnel based on their uniforms, what had happened. SA XXXXX recalled that the military personnel may have responded that the detainee had thrown himself to the floor. SA observed that the detainee’s nose appeared to be bleeding. SA XXXXX did not see or hear anything else about the incident that disputed the account offered by the military personnel present in the room. SA XXXXX did note that when he exited the facility, there was no indication of thunder outside. The lack of thunder caused him to wonder about the noises he had heard. However, since he did not observe the events that transpired in the other interviewing room, and he did not receive other information contradicting the account of events provided by those in the room where he found the detainee bleeding, apparently from the nose, SA XXXXX could not say that what transpired in that interview room fell outside U.S. Department of Justice (DoJ) policy. However, SA XXXXX stated there was potential for the events occurring in that interview room to not fall in line with either FBI or DOJ policy. SA XXXXX emphasized that he did not observe any FBI or DOJ personnel present in the interviewing room where he observed the bleeding detainee.

SA XXXXX did not know the identify of the personnel present in the interviewing room where he observed the bleeding detainee, or the identity of the detainee; however,SA XXXXX felt that determining their identities would be possible by querying logs maintained by the military at GITMO. According to SA XXXXX, the date, interviewing room, and the identities of the interviewers and detainees for each interview were maintained by the military at GITMO. SA XXXXX produced an FD 302 of his interview of the Iraqi detainee that evening; however, he did not maintain a copy.

In addition to the military intelligence soldier on SA XXXXX interviewing team on the evening he observed the bleeding detainee, SA XXXXX received interviewing assistance from an Army psychologist or psychiatrist who was an officer. SA XXXXX stated that this individual was a major, but that he could not recall his name. SA made a comment about what he had observed to this person:

SA XXXXX described the interviewing facilities at GITMO as temporary structures. The interviewing facility used consisted of about 12 interviewing rooms on either side of the hallway. There were six rooms in a row on one other side. Adjacent to each room were surveillance rooms that allowed other persons to observe interviews without entering an interviewing room. During the evening when SA XXXXX saw the bleeding detainee, SA XXXXX was occupying an interviewing room at one end of the faciIity, and he observed two detainees in an interviewing room two to three rooms from his, and on the same side of the hallway.

SA XXXXX received a tour of the detention facilities at GITMO; however, he did not talk about what went on at the facility with the military personnel he encountered during the tour. SA XXXXX did not consider any of these contacts substantive in nature.

SA XXXXX noted that during the course of at least one detainee interview, but possibly another as wheel, he documented information he received from the detainee about abuses that may have occurring in Afghanistan. SA XXXXX stated that the Iraqi he interviewed the evening he observed the bleeding detainee was one of the detainees whose information about possible abuses in Afghanistan was specific enough to document in an FD 302. SA XXXXX documented the information relating to possible detainee abuse in a separate case file; one that was being set up to address possible war crimes. SA XXXXX did not know the case file number and he did not maintain a copy of the FD 302. SA XXXXX believed that representatives from other law enforcement agencies at GITMO documented information regarding possible detainee abuse.

Based on the condition of the facilities, and having  had the opportunity to walk through the cells where detainees were held, SA XXXXX had no indication of systemic detainees abuse at GITMO. SA XXXXX believed the detainees were well fed and provided with essential needs, such as medical treatment. He was made aware of one detainee who received medical treatment costing around $100,000.00 for an eye injury he sustained while building an explosive device in Afghanistan intended for use against U.S. soldiers.

Federal Bureau of Investigation

Data di trascrizione: 07/09/2004

Agente Speciale (SA) XXXXX Federal Bureau of Investigation (FBI), che è entrato in servizio con l’FBI il XXXXX e che è arrivato presso la Divisione Houson del FBI, alla Corpus Christi Resident Agency (CCRA), intorno al 22/01/1998, e il cui numero di telefono è XXXXX è stata informato dell’identità dell’Assistente Inspector (AI) che lo ha intervistato e lo scopo del colloquio. SA XXXXX ha poi fornito le seguenti informazioni telefonicamente:

SA XXXXX è stato assegnato ad un team di intervista al centro di detenzione di Guantanamo Bay, Cuba (GITMO), circa da settembre a novembre 2002. La squadra intervistante consisteva di tre persone, tra cui l’Agente Speciale XXXXX. Oltre a lui, la squadra di intervista dell’agente XXXXX comprendeva un traduttore a contratto, la cui identità XXXXX non riusciva a ricordare, e inoltre un rappresentante dell’esercito il cui nome XXXXX non riusciva a ricordare. Il rappresentante dell’esercito proveniva da un’organizzazione simile all’Ufficio per le Indagini Speciali dell’Aeronautica (AFOSI), un’entità investigativa; comunque, XXXXX non riusciva a ricordare il nome dell’organizzazione. Lui era certo che non era una entità di intelligence militare fino a che le attività della sua squadra intervistante, ritenuta da funzionari di Guantanamo un’attività di forze dell’ordine, furono separate dalle interviste di raccolta di informazioni di intelligence che il personale militare e rappresentanti di altre agenzie governative eseguivano. Per la maggior parte del suo soggiorno a Guantanamo, l’agente speciale XXXXX e il suo team eseguiva le interviste al mattino. I pomeriggi e le serate erano riservati per le interviste condotte da coloro che raccoglievano dati di intelligence. L’agente speciale XXXXX non era a conoscenza delle attività specifiche che si verificavano durante le interviste del pomeriggio e della sera.

Verso la fine del turno di servizio dell’agente speciale XXXXX a Guantanamo, circa due o tre settimane prima del Giorno del Ringraziamento (4° giovedì di Novembre, ndr), l’agente speciale XXXXX era in coppia con una persona di sesso femminile arruolata nell’intelligence militare la cui identità l’agente XXXXX non riusciva a ricordare, ma che potrebbe essere stata un riservista militare da quando indicato dall’agente speciale XXXXX che era un addetto alla sorveglianza di Los Angeles, California. L’agente XXXXX e la soldatessa dell’intelligence militare furono impegnati in uno sforzo di interviste che si concentrarono su un gruppo di recenti arrivi di detenuti a Guantanamo. Queste interviste, a differenza di quelli che aveva effettuato con l’altra squadra di interviste, si verificarono la sera. Lo scopo delle interviste fu quello di acquisire quante più informazioni possibili dai detenuti prima che essi venissero a contatto  con la popolazione generale dei detenuti.

L’agente speciale XXXXX sentì dalla persona messa a capo del personale dell’agenzia delle forze dell’ordine a Guantanamo che altre agenzie governative stavano utilizzando personale femminile dell’intelligence militare in attività tipo operazioni psicologiche contro i detenuti. Il responsabile, la cui identità l’agente XXXXX non riusciva a ricordare, ha detto all’agente XXXXX che, nel tentativo di far crollare i detenuti che stavano pregando durante gli interrogatori, il personale femminile dell’intelligence militare si sarebbe bagnata le mani (nelle parti intime, ndr) per poi toccare il viso del detenuto, in modo tale che il detenuto smettesse di pregare perché si considerava impuro. Il responsabile del personale dell’agenzia delle forze dell’ordine ha sottolineato all’agente XXXXX che il personale dell’agenzia delle forze dell’ordine non erano autorizzati ad utilizzare questo tipo di pratica quando intervistavano i detenuti. L’agente speciale XXXXX non è stato testimone di questa tecnica, o qualcosa di simile ad essa, eseguita su un detenuto.

L’agente speciale non era a conoscenza di intervistare tattiche o tecniche indicate in qualche tipo di policy del Dipartimento of Defense perché non ha mai ricevuto un briefing o materiale scritto che descrivesse tale policy. SA XXXXX era solo a conoscenza della tecnica di bagnare le mani dalla sua conversazione con la persona messo a capo del personale dell’agenzia delle forze dell’ordine.

Una volta verso la fine del suo servizio a Guantanamo, quando era in coppia con la soldatessa dell’intelligence militare, l’agente speciale XXXXX e la soldatessa stavano conducendo un intervista serale ad un detenuto iracheno che era stato catturato in Afghanistan. Durante l’intervista, SA XXXXX e la soldatessa sentirono esplosioni simili a tuoni, ma rimasero perplessi per i suoni in quanto non c’era stata alcuna indicazione di pioggia quando erano entrati nell’edificio delle interviste. Decisero di uscire dall’edificio per capire l’origine dei suoni.

Non appena l’agente speciale XXXXX e la soldatessa uscirono dalla struttura delle interviste, notarono un detenuto sul pavimento in un’altra stanza dei colloqui, “sfigurato”, e piangente. L’agente XXXXX chiese ciò che era accaduto al personale della sala colloqui, il quale sembrava essere dalle loro divise personale militare. L’agente speciale XXXXX ha ricordato che il personale militare potrebbe aver risposto che il detenuto si era gettato a terra. L’agente osservò che il naso del detenuto sembrava essere sanguinante. L’agente speciale XXXXX non vide o sentì nient’altro sull’l’incidente che contestasse la spiegazione offerta dal personale militare presente nella stanza. L’agente speciale XXXXX ha fatto notare che quando uscì dalla struttura, non vi era alcuna indicazione di tuoni al di fuori. La mancanza di tuono lo portò a chiedersi che rumori avesse sentito. Tuttavia, poiché egli non osservò gli eventi che emersero nell’altra stanza di colloqui, e lui non ricevette altre informazioni che contraddicessero il racconto degli eventi forniti da coloro che erano nella stanza dove si trovava il detenuto sanguinante, a quanto pare dal naso, l’agente speciale XXXXX non potè dire che ciò che accadde in quella stanza intervista esulasse dalla policy del Dipartimento di Giustizia americano (DOJ). Comunque, l’agente speciale XXXXX ha dichiarato c’era la probabilità per gli eventi che si verificarono in quella stanza di interviste non fossero in linea sia con le policies dell’FBI o del DOJ. L’agente speciale XXXXX ha sottolineato che lui non osservò alcun personale dell’FBI o del DOJ presente nella sala delle interviste in cui osservò il detenuto sanguinante.

L’agente speciale XXXXX non conosceva l’identità del personale presente nella sala delle interviste in cui osservò il detenuto sanguinante o l’identità del detenuto, tuttavia, L’agente speciale XXXXX ha ritenuto che sarebbe stato possibile determinare la loro identità in base ai registri degli interrogatori gestito dai militari a Guantanamo. Secondo l’agente speciale XXXXX, la data, la sala dei colloqui, e l’identità degli intervistatori e dei detenuti per ogni intervista sono stati gestiti dai militari a Guantanamo. L’agente speciale XXXXX ha prodotto un modulo FD 302 della sua intervista al detenuto iracheno quella sera; tuttavia, egli non ne ha mantenuta una copia.

Oltre alla soldatessa dell’intelligence militare che in coppia con l’agente speciale XXXXX nella squadra delle interviste la sera osservò il detenuto sanguinante, l’agente speciale XXXXX ricevette l’assistenza alle interviste da parte di uno psicologo o psichiatra dell’esercito, che era un ufficiale. L’agente speciale  XXXXX ha dichiarato che questo individuo era un maggiore, ma che non riusciva a ricordare il suo nome. L’agente speciale ha fatto un commento a questa persona su quello che aveva visto:
L’agente speciale XXXXX descrsse le strutture per le interviste di Guantanamo come strutture temporanee. La struttura utilizzata per le interviste
consisteva di circa 12 camere per le interviste su entrambi i lati del corridoio. C’erano sei stanze in fila per lato. Adiacenti ad ogni stanza vi erano camere di sorveglianza che permettevano ad altre persone di osservare le interviste senza entrare in una sala colloqui. Nel corso della serata, quando l’agente speciale XXXXX videro il detenuto sanguinante, l’agente speciale XXXXX stava occupando una stanza alla fine dell’edificio, e poteva osservare due detenuti in una sala colloqui a 2-3 stanze dalla sua, e sullo stesso lato del corridoio.

L’agente speciale XXXXX ricevette una visita dei centri di detenzione a Guantanamo, tuttavia, non parlò di ciò che successe presso la struttura con il personale militare che incontrò durante la visita. L’agente speciale XXXXX non ha ritenuto questi contatti di natura sostanziale.

L’agente speciale XXXXX ha osservato che nel corso di almeno un colloquio con un detenuto, ma forse anche in un altro, ha documentato le informazioni che ottenne dal detenuto circa gli abusi che furono fatti in Afghanistan. L’agente speciale XXXXX ha dichiarato che l’iracheno che intervistò la sera che vide il detenuto sanguinante era stato uno dei detenuti le cui informazioni furono sufficientemente dettagliate su possibili abusi in Afghanistan in un modulo FD302. L’agente speciale documentò le informazioni relative a possibili abusi sui detenuti in un file di documenti a parte, che era stato istituito per affrontare possibili crimini di guerra. L’agente speciale XXXXX non conosceva il numero di fascicolo e non ha mantenuto una copia del moduklo FD302. L’agente speciale XXXXX ha ritenuto che i rappresentanti di altre forze dell’ordine a Guantanamo abbiano documentato informazioni riguardanti possibili abusi sui detenuti.

In base alle condizioni delle strutture, e avendo avuto l’opportunità di camminare attraverso le celle nelle quali erano trattenuti i detenuti, l’agente speciale XXXXX non ebbe alcuna indicazione di sistematico abuso sui detenuti a Guantanamo. L’agente speciale XXXXX ha ritenuto che i detenuti fossero ben nutriti e dotati di servizi essenziali, come il trattamento medico. Era a conoscenza di un detenuto che aveva ricevuto cure mediche che costavano circa $ 100,000.00 per una lesione dell’occhio che aveva subito durante la costruzione di un ordigno esplosivo in Afghanistan, destinato ad essere utilizzato contro i soldati statunitensi.

EnGiCav