Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

 

Riscontro positivo 04: richiesta informazioni via e-mail

From:   XXXXX (CV)(FBI)

Sent:    Wednesday, July 14, 2004 2:17 AM

To:       XXXXX (INSD)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

I was TDY to GTMO from the dates of June 2, 2003 to July 17, 2004, During that time I did observe aggressive treatment, interrogations or interview techniques on GTMO detainees which was not consistent with Bureau interview policy/guidelines by any personnel of the interrogators from FT. Belvoir consisting of Air Force OSI, Naval Investigative Service and possibly a few other services although I can’t recall which ones. However, I do recall seeing some techniques utilized by other interrogators not associated with the FBI or the Ft. Belvoir interrogators. I occasionally saw sleep depravation interviews with strobe lights and two different kind of loud music. I asked the one of the interrogators what they were doing they said that it would take approximately four days to break someone doing an interrogation 16 hours on with the lights and music and four hours off. The sleep depravation and the lights and alterning beats of the music would wear the detainee down. There was a time period where the interrogations were obtrusive enough that the interview rooms for an entire trailer were not available if one of these techniques were being utilized.

I heard many rumors about things that I did not observe. I spoke with one interrogator (not sure if military or contractor or other) that bragged about doing a lap dance on one Detainee (possibly n. ###). Another interrogator (not sure if military or contractor or other) bragged about making Detainee #XXX listen to satanic black metal music for hours and hours. Then the interrogator dressed as a Catholic Priest and baptized the detainee in order to save him.

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

Da: XXXXX (CV) (FBI)

Sent: Mercoledì 14 Luglio, 2004 02:17

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Sono stato in servizio temporaneo a Guantanamo dal 2 Giugno 2003 al 17 luglio 2004, Durante quel periodo ho osseervato un trattamento aggressivo, interrogatori o tecniche di intervista sui detenuti di Guantanamo che non erano coerenti con le policies/linee guida dell’FBI da parte qualsiasi personale interrogante dell’FT. Belvoir composto dall’OSI dell’Air Force, dal Servizio Investigativo della Marina e probabilmente da pochi altri servizi anche se non ricordo quali. Comunque, io ricordo di avere visto alcune tecniche utilizzate da altri interroganti non legati agli interroganti dell’FBI o  dell’Ft. Belvoir. Di tanto in tanto ho visto interviste con privazione del sonno con luci stroboscopiche e due diversi tipi di musica ad alto volume. Ho chiesto a quelli che stavano interrogando cosa stessero facendo ed essi hanno detto che ci sarebbero voluti circa quattro giorni per far crollare qualcuno facendo 16 ore di interrogatorio con luci e musica e quattro ore senza. La privazione del sonno e le luci e le battute ritmiche della musica avrebbero ammorbidito il detenuto. C’è stato un periodo in cui gli interroganti erano abbastanza invadenti al punto che le camere dell’intervista per intero trailer non erano disponibili se una di queste tecniche veniva utilizzata.

Ho sentito molte voci di cose che non ho osservato. Ho parlato con una interrogante (non so se militare o consulente o altro) che si vantava di fare lap-dance su un detenuto (forse il numero ###). Un altro interrogante (non so se militare o consulente o altro) si vantava di aver fatto ascoltare al detenuto n. ### musica black metal satanica per ore e ore. Poi l’interrogante si era vestito come un prete cattolico e aveva battezzato il detenuto al fine di salvarlo.
SENSIBILE MA NON CLASSIFICATI

Riscontro positivo 04: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATION

Date of transcription: 09/17/2004

Federal Bureau of Investigation (FBI), Special Agent (SA) XXXXX, Cleveland Division, EOD XXXXX, was advised of the identity of the interviewing Agent and the nature of the

Interview. XXXXX provided the following information in regard to his temporary duty (TDY) assignment to Guantanamo Bay, Cuba (GTMO):

XXXXX was assigned to GTMO in the position of interviewer/interrogator for 45 days from 06/02/2003 to 07/17/2003, as part of a “Special Projects” team which consisted of FBI SA XXXXX (Charlotte Division) and a  task force officer whose name he could not recall.

XXXXX did not witness or observe aggressive treatment, interrogations or interview techniques utilized on GTMO detainees conducted by FBI or other law enforcement personnel which were not consistent with FBI or DOJ policy/guidelines, but did observe such behavior by non-law enforcement Department of Defense (DOD) personnel on at least two occasions. On these occasions the DOD personnel utilized sleep depravation by playing loud music for 16 hours at a time with four hours between sessions. XXXXX and XXXXX others brought these instances to attention of SSA XXXXX who was his Acting Supervisor (Atlanta Division) at GTMO.

XXXXX was not familiar with DOD policy/guidance regarding what interview/interrogation techniques were authorized. During conversations with unidentified DOD employees regarding interview techniques, XXXXX recalled being asked if he used “fear up” or “family compassion” techniques. XXXXX did not know the identities of the DOD interviewers or detainees involved in the activity. The aggressive interviews XXXXX witnessed occurred at Camp Delta in either the Yellow, Brown or Gold areas. Most interviews conducted by law enforcement and DOD personnel occurred in interview rooms located in trailers in these areas. Often DOD personnel would reserve an entire trailer when employing aggressive interview techniques.

…..

XXXXX had no substantive contact with DOD personnel regarding the condition or treatment or detainee’s other than regularly held briefings by the DOD Command which provided general updates of activity and the number of detainees at GTMO. XXXXX and others were provided a tour of the cell area at GTMO and he characterized the cells as small but acceptable. He recalled that the detainees were switched from Meals Ready to Eat (MREs) to regular food because the detainee’s were becoming overweight due to the calories contained in the MREs.

XXXXX could not recall any allegation of mistreatment brought to his attention by detainees, other than the detainees referring to techniques employed by DOD personnel as “games.” XXXXX indicated most of the interviews conducted by the his Special Projects team were negative. Special Projects was tasked with interviewing the most hardened detainees.

XXXXX was not in possession of pictures, video, audio, notes or other documentation which depicted or described aggressive treatment. He indicated the interviewers were searched for contraband each time they entered or exited the compound.

XXXXX heard many rumors about aggressive or inappropriate interrogation techniques by DOD which were unsubstantiated. Among the rumors he heard were that a female DOD interrogator did a lap dance on a detainee, that a DOD interrogator forced a detainee to listen to satanic black metal music for hours, and that  a DOD interrogator dressed as a Catholic Priest and baptized a detainee in order to save him. XXXXX had no first hand knowledge of these events and was unsure as to if they actually occurred.

Federal Bureau of Investigation

Data di trascrizione: 17/09/2004

Federal Bureau of Investigation (FBI), l’agente speciale (SA) XXXXX, Cleveland Divisione, EOD XXXXX, è stato informato dell’identità dell’agente intervistante e della natura dell’intervista. XXXXX ha fornito le seguenti informazioni riguardo alla suo assegnazione del servizio temporaneo (TDY) a Guantanamo Bay, Cuba (GTMO):

XXXXX fu assegnato a Guantanamo nella posizione di intervistante/interrogante per 45 giorni dal 2/6/2003 al 17/7/2003, come componente di una squadra “Progetti Speciali” che era costituita dall’agente speciale FBI XXXXX (Charlotte Division) e un ufficiale della task force il cui nome non riusciva a ricordare.

XXXXX fu testimone o osservò un trattamento aggressivo, interrogatori o tecniche di intervista utilizzati su detenuti di Guantanamo condotte dall’FBI o da altro personale delle forze dell’ordine che non erano coerenti con le policies/linee guida dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia, ma osservò tale comportamento da parte di personale non appartenente alle forze dell’ordine del Dipartimento della Difesa (DOD) in almeno due occasioni. In queste occasioni il personale del Dipartimento della Difesa utilizzò tecniche di privazione del sonno mediante musica ad alto volume per 16 ore con un intervallo di quattro ore tra le sessioni. XXXXX,  XXXXX e altri portarono queste istanze all’attenzione dell’agente speciale di sorveglianza XXXXX che era il suo supervisore d’azione (Atlanta Division) a Guantanamo.

XXXXX non aveva familiarità con le policies/linee guida del DOD riguardo a che tipo di interviste / tecniche di interrogatorio essi erano stati autorizzati. Durante le conversazioni con i dipendenti del Dipartimento della Difesa non identificati per quanto riguarda le tecniche di intervista, XXXXX ricordò che gli venne chiesto se egli usasse tecniche di “paura” o di “compassione materna”. XXXXX non conosceva l’identità degli intervistatori del DOD o dei detenuti coinvolti nell’attività. Le interviste aggressive di cui XXXXX fu testimone avvennero a Camp Delta nelle aree gialla, marrone e oro. La maggior parte delle interviste condotte dalle forze dell’ordine e dal personale del Dipartimento della Difesa si verificarono in camere situate in trailers per interviste in queste zone. Spesso il personale del DOD poteva riservare un intero rimorchio quando utilizzavano tecniche di intervista aggressive.

…..

XXXXX non ebbe alcun contatto sostanziale con il personale del Dipartimento della Difesa per quanto riguardava altro che la condizione o il trattamento o diversi briefing dei detenuti tenuti regolarmente dal Comando del Dipartimento della Difesa che fornì aggiornamenti generali di attività e il numero di detenuti a Guantanamo. Ad XXXXX e ad altri fu fornito un tour della zona delle celle di Guantanamo e definì le celle come piccole ma accettabili. Ha ricordato che ai detenuti venivano alternati pasti pronti da mangiare (MRes) con pasti normali perché i detenuti erano sovrappeso a causa delle calorie contenute negli MREs.

XXXXX non riusciva a ricordare qualsiasi accusa di maltrattamento portato alla sua attenzione da parte dei detenuti, a parte il fatto che i detenuti facevano riferimento a tecniche impiegate dal personale del Dipartimento della Difesa come “giochi”. XXXXX ha indicato che la maggior parte delle interviste condotte dal suo team Progetti Speciali sono risultate negative. Ai Progetti Speciali è stato affidato il compito di intervistare i detenuti più difficili.

XXXXX non è stato in possesso di foto, video, audio, note o altra documentazione che raffigurasse o descrivesse trattamenti aggressivi. Egli ha indicato che gli intervistanti cercavano merce di contrabbando ogni volta che entravano o uscivano dal compound.

XXXXX ha sentito molte voci circa tecniche di interrogatorio aggressive o inappropriate da parte del Dipartimento della Difesa che erano prive di fondamento. Tra le voci che aveva sentito vi era anche quella che un interrogante femminile del Dipartimento della Difesa aveva fatto una lap dance su un detenuto, che un interrogante del DOD aveva costretto un detenuto ad ascoltare musica black metal satanica per ore, e che un interrogante del DOD si era vestito come un prete cattolico e aveva battezzato un detenuto per salvarlo. XXXXX non aveva conoscenza di prima mano di questi eventi e non era sicuro se effettivamente si fossero verificati.

EnGiCav