Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

 

Riscontro positivo 03: richiesta informazioni via e-mail

From: XXXXX (UR)(FBI)Sent: Thursday, July 15, 2004 10:03 AM

To: XXXXX (INSD)(FBI)

Subject: RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

XXXXX CIRG drafted a letter to OGC at their request to send to the Department of Defense in regards to the observed treatment of GITMO prisoners while the Behavioral Analysis Unit members were deployed to GITMO. I have enclosed the sections that apply to my observations. XXXXX

—–Original Message—–

From:   XXXXX (INSD)(FBI)

Sent:    Wednesday, July 14, 2004 12:13 PM

To:       XXXXX (IR)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON RECORD

Ok, but I have no knowledge of what they are, and we are acting independently as of now. Could you please, in bullet format, email me some of your observations.

—–Original Message—–

From:   XXXXX (UR)(FBI)

Sent:    Thursday, July 14, 2004 11:52 AM

To:       XXXXX (INSD)(FBI)

Subject:           RE:GTMO

SENSITIVE BUT UNCLASSIFIED

NON-RECORD

XXXXX, I witness several incidents which have already been documented with OGC. XXXXX.

—–Original Message—–

From:   McCraw, Steven C. (INSD)(FBI)

Sent:    Friday, July 09, 2004 2:42 PM

To:       <<list of FBI Bureau Offices>>

In late October 2002, FBI Special Agent XXXXX was observing the interrogation of a detainee when XXXXX, a civilian army contractor, who was in charge of the Army’s interrogators, came into the observation room and asked SA XXXXX to come see something. SA XXXXX then saw an unknown bearded, long-haired detainee in another interrogation room. The detainee had been gagged with duct tape that covered much of his head. SA XXXXX asked Mr. XXXXX whether the detainee had spit at the interrogators. Mr. XXXXX laughed and stated that the detainee had been chanting the Koran and would not stop; Mr. XXXXX did not answer when SA XXXXX asked how the duct tape would be removed from the detainee.

In September or October of 2002 FBI agents XXXXX and XXXXX observed that a canine was used in an aggressive manner to intimidate detainee n. ###

Da: XXXXX (UR) (FBI)Sent: Giovedi July 15, 2004 10:03

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

XXXXX del CIRG h redatto una lettera per l’OGC relativa alla loro richiesta di inviare al Dipartimento della Difesa riguardo il trattamento dei prigionieri osservato a Guantanamo mentre i membri dell’Unità di Analisi Comportamentale erano impiegati a Guantanamo. Ho allegato le sezioni che si applicano alle mie osservazioni. XXXXX

—– Original Message —–

Da: XXXXX (INSD) (FBI)

Sent: Mercoledì 14 Luglio, 2004 12:13

A: XXXXX (IR) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

Ok, ma io non ho conoscenza di quali sono essi, e noi stiamo agendo in maniera indipendentemente da ora. Potresti, in formato rapido, spedirmi un e-mail di alcune delle vostre osservazioni.

—– Original Message —–

Da: XXXXX (UR) (FBI)

Sent: Giovedi July 14, 2004 11:52

A: XXXXX (INSD) (FBI)

Oggetto: RE: GTMO

SENSIBILE MA NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

XXXXX, sono stato testimone di numerosi incidenti che sono già stati documentati all’OGC. XXXXX.

—– Original Message —–

Da: McCraw, Steven C. (INSD) (FBI)

Sent: Venerdì 9 luglio, 2004 02:42 PM

To: <<elenco del FBI Bureau Offices>>

Alla fine di ottobre del 2002, l’agente speciale XXXXX dell’FBI stava osservando l’interrogatorio di un detenuto quando XXXXX, un consulente civile dell’esercito, che era responsabile degli interrogatori dell’esercito, entrò nella stanza di osservazione e chiese all’agente speciale XXXXX di venire a vedere qualcosa. L’agente speciale XXXXX poi vide uno sconosciuto detenuto barbuto, dai capelli lunghi in un’altra stanza degli interrogatori. Il detenuto era stato imbavagliato con del nastro adesivo che copriva gran parte della sua testa. L’agente XXXXX chiese al sig. XXXXX se il detenuto avesse sputato agli interroganti. Il sig. XXXXX si mise a ridere e dichiarò che il detenuto si era messo a cantare il Corano e non si fermava; Mr. XXXXX non rispose quando l’agente XXXXX gli chiese come il nastro adesivo sarebbe stato rimosso dal detenuto.
Nel mese di settembre o ottobre del 2002 gli agenti FBI XXXXX e XXXXX osservarono che un cane era stato utilizzato in modo aggressivo per intimidire il detenuto n. ###.

Riscontro positivo 03: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATIONDate of transcription: 09/15/2004

XXXXX, Supervisory Special Agent (SSA), XXXXX National Center for the Analysis of Violent Crimes (NCAVC), FBI Academy, Quantico, Virginia, was interviewed regarding his knowledge of any aggressive treatment, interrogations, or interview techniques at Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). After being advised of the identity of the interviewing Agent and the purpose of the interview, SSA XXXXX provided the following information in response to thirteen special inquiry questions:

XXXXX’s TDY assignment to GTMO began in the middle of September 2002 and ended in late October 2002. XXXXX was teamed with SSA XXXXX also from NCAVC, both of whom were responsible for providing behavioral analysis assistance to law enforcement and military personnel conducting interrogations of detainees. While XXXXX never participated in detainee interrogations, he sometimes observed them. Also, when requested, he reviewed background files of the detainees to assist in the formation of interview strategies.

XXXXX’s primary point of contact was XXXXX, a civilian contractor employed by the military, who was responsible for the interrogations at GTMO. XXXXX directed military reservists who conducted the interrogations of the detainees. SSA XXXXX advised XXXXX exhibited “bizarre behavior”, meaning he display a range of emotions and often “lost it” or became very angry when something insignificant occurred.

XXXXX did witness aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed on detainees at GTMO inconsistent with FBI or DOJ policy/guidelines on two occasions. The first incident occurred with detainee number ### and the second incident occurred with an unknown detainee.

When XXXXX arrived at GTMO, number ### was incarcerated in a darkened cell in the Naval Brig. XXXXX told XXXXX he planned to have military personnel interrogate number ### for 24 hours in an attempt to get him to cooperate. When XXXXX objected to this technique, XXXXX said the technique had been approved by “the Secretary” who understood to be Secretary Rumsfeld. After some discussione and input from XXXXX and XXXXX, the decision was made to provide number ### with food since he had been a self induced fast for a few days. Number ### did eat the food, but still refused to provide any information during his interrogation. He was subsequently moved to a plywood interrogation hut in Camp X-Ray. While in Camp X-Ray, number XXX was aggressively interrogated by military reservists at the direction of XXXXX. During the interrogation, the reservists yelled and screamed at number XXX. Additionally, a German Shepard was positioned at the door of the interrogation hut and made to growl and bark at the detainee. At one point one of the interrogators placed a Koran in front  of number XXX while XXX was seated in a chair. The interrogator then straddled the Koran, at which point the detainee became very angry,  but still refused to provide any information.

Late one evening, XXXXX witnessed a second incident which involved a detainee who had been duct taped. XXXXX and XXXXX were in a observation room, located between two interrogation rooms, watching military personnel conduct an interrogation. At some point, XXXXX entered the room and told XXXXX to come with him as he wanted to show him something. XXXXX accompanied XXXXX to another observation room, located down the hall, where several Military Police were observing an interrogation. When he entered the observation room, XXXXX observed an unknown detainee with a full head of hair and a beard whose head was wrapped in duct tape in the adjacent interrogation room. There were two interrogators in the room with the detainee. XXXXX asked if the detainee had been spitting at the interrogators or exhibiting belligerent behavior toward them. XXXXX replied no, and then told XXXXX the detainee’s head had been duct taped because he would not stop quoting the Koran. XXXXX did not approve of the treatment of the detainee and asked how he planned to remove the duct tape, but XXXXX never answered him. XXXXX then exited the observation room and returned to his quarters.

Based on conversations with XXXXX, XXXXX believed Department of Defense authorization for the permitted use of harsh/aggressive interrogation techniques may have come from Secretary Rumsfeld. On several occasions when XXXXX questioned XXXXX about the techniques utilized, XXXXX said it had been approved by “the Secretary”, who XXXXX understood to be Secretary Rumsfeld. With the exception of XXXXX’s comments regarding the Secretary, XXXXX had no knowledge or understanding of Department of Defense (DOD) authorization for the permitted use of harsh/aggressive interrogation, techniques. Furthermore, SSA XXXXX believed XXXXX had the authority to approve interrogation techniques, including the use the duct tape on the unknown detainee.

XXXXX had no contact with interviewees during his tenure at GTMO. He also stated he had no pictures, audio, notes or other documentation which depicted or described aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed on detainees at GTMO and had no knowledge of anyone else who was in possession of such items. XXXXX had no additional information related to the treatment of detainees at GTMO.

Upon his return from GTMO, XXXXX along with XXXXX related the aforementioned incidents to SAC Stephen R. Wiley. Also, XXXXX drafted an EC dated 11/22/2002, which outlined the aforementioned events, was approved by SAC Wiley, and subsequently to CTD Executive Management.

Federal Bureau of InvestigationData di trascrizione: 15/09/2004

XXXXX, Agente Speciale di sorveglianza (SSA), XXXXX Centro Nazionale per l’Analisi dei Crimini Violenti (NCAVC), FBI Academy, Quantico, in Virginia, è stato intervistato riguardo la sua conoscenza di qualsiasi trattamento aggressivo, interrogatori, o tecniche di intervista a Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). Dopo essere stato al corrente della identità dell’agente intervistante e lo scopo del colloquio, l’agente XXXXX ha fornito le seguenti informazioni in risposta a tredici domande dell’inchiesta speciale:

L’assegnazione temporanea in servizio a Guantanamo di XXXXX inizio a metà settembre del 2002 e si concluse alla fine di ottobre 2002. XXXXX ha anche collaborato con l’Agente Speciale di Sorveglianza XXXXX del NCAVC, ed entrambi erano responsabili nel fornire assistenza di analisi comportamentale alle forze dell’ordine e al personale militare nel condurre gli interrogatori dei detenuti. Sebbene XXXXX non abbia mai partecipato agli interrogatori dei detenuti, a volte li osservava. Inoltre, quando richiesto, passava in rassegna i documenti informativi dei detenuti per aiutare nella formazione delle strategie di intervista.

Punto principale di contatto di XXXXX era XXXXX, un consulente civile in ambito militare, che era responsabile degli interrogatori a Guantanamo. XXXXX dirigeva i riservisti militari che hanno condotto gli interrogatori dei detenuti. L’agente XXXXX ha reso noto che XXXXX mostrava un “comportamento bizzarro”, nel senso che mostra una gamma di emozioni e spesso “si perdeva” o si arrabbiava moltissimo quando si verificava qualcosa di insignificante.

XXXXX fu testimone di trattamento aggressivo, di interrogatori o tecniche di intervista impiegati su detenuti GTMO non coerente con le linee guida/policies dell’FBI o del Dipartimento di Giustizia in due occasioni. Il primo incidente si verificò con il detenuto numero ### e il secondo incidente si verificò con un detenuto ignoto.

Quando XXXXX arrivò a Guantanamo, il numero ### era rinchiuso in una cella buia della Brigata Navale. XXXXX disse a XXXXX di aver pianificato che il personale militare interrogasse il numero ### per 24 ore nel tentativo di convincerlo a collaborare. Quando XXXXX obiettò su questa tecnica, XXXXX disse che la tecnica era stata approvata dal “segretario”, che capì essere il Segretario Rumsfeld. Dopo qualche discussione e input da parte di XXXXX e di XXXXX, fu presa la decisione di fornire cibo al numero ### per pochi giorni finché si fosse ripreso da solo. Il numero #### mangiò il cibo, ma si rifiutò di fornire qualsiasi informazione durante il suo interrogatorio. Successivamente venne spostato in una capanna per interrogatorio di legno a Camp X-Ray. Una volta a Camp X-Ray, il numero ### fu aggressivamente interrogato dai riservisti militari sotto la direzione di XXXXX. Durante l’interrogatorio, i riservisti gridavano e strillavano al numero ###. Inoltre, un pastore tedesco era stato posizionato davanti alla porta della capanna dell’interrogatorio e fatto ringhiare e abbaiare verso il detenuto. Ad un certo punto uno degli interrogatori pose un Corano sulla fronte del numero ###, mentre ### era seduto su una sedia. L’interrogante poi si sedette sopra il Corano, e a quel punto il detenuto si arrabbiò molto, ma rifiutò di fornire qualsiasi informazione.

Una sera tardi, XXXXX fu testimone di un secondo incidente che coinvolse un detenuto che era stato avvolto nel nastro adesivo. XXXXX e XXXXX si trovavano in una sala di osservazione, che si trovava tra due stanze per gli interrogatori, mentre guardava il personale militare condurre un interrogatorio. Ad un certo punto, XXXXX entrò nella stanza e XXXXX disse di andare con lui perché gli voleva far vedere qualcosa. XXXXX accompagnò XXXXX in un’altra stanza di osservazione, che si trovava in fondo al corridoio, dove diversi Poliziotti Militari stavano osservando un interrogatorio. Quando entrò nella sala di osservazione, XXXXX osservò un detenuto ignoto con una testa piena di capelli e la barba il cui capo era avvolto nel nastro adesivo nella stanza degli interrogatori adiacente. Ci furono due interrogatori nella stanza con il detenuto. XXXXX chiese se il detenuto avesse sputato agli interroganti o avesse mostrato un comportamento belligerante verso di loro. XXXXX rispose di no, e poi XXXXX disse che la testa del detenuto era stata avvolta nel nastro adesivo perché non voleva smettere di recitare il Corano. XXXXX non approvò il trattamento del detenuto gli chiese come pensava di togliere il nastro adesivo, ma XXXXX non gli rispose. XXXXX poi uscì dalla camera di osservazione e tornò nel suo alloggio.

Sulla base di conversazioni con XXXXX, XXXXX credette che l’autorizzazione del Dipartimento della Difesa all’uso consentito di tecniche di interrogatorio dure/aggressive potesse provenire dal Segretario Rumsfeld. In diverse occasioni quando XXXXX interrogò XXXXX sulle tecniche utilizzate, XXXXX disse che ciò era stato approvato dal “Segretario”, che XXXXX intese come il Segretario (della Difesa) Rumsfeld. Ad eccezione dei commenti di XXXXX riguardo il Segretario, XXXXX non ha avuto conoscenza o comprensione dell’autorizzazione del Dipartimento della Difesa (DOD) all’uso consentito di di tecniche di interrogatorio dure/aggressive. Inoltre, L’agente speciale di sorveglianza XXXXX credeva che XXXXX aveva l’autorità di approvare le tecniche di interrogatorio, compreso l’uso del nastro adesivo sul detenuto ignoto.

XXXXX non ha avuto alcun contatto con gli intervistati durante la sua permanenza a Guantanamo. Egli ha inoltre affermato che non aveva foto, audio, note o altra documentazione che raffigurasse o descrivesse trattamento aggressivo, interrogatori o tecniche di intervista fatti su detenuti a Guantanamo e non ha avuto conoscenza di alcuno che fosse in possesso di tali oggetti. XXXXX non ha avuto ulteriori informazioni relative al trattamento dei detenuti a Guantanamo.

Al suo ritorno da Guantanamo, XXXXX insieme a XXXXX ha relazionato gli incidenti di cui sopra al SAC Stephen R. Wiley. Inoltre, XXXXX ha stilato un EC in data 22/11/2002, il quale delineava i suddetti eventi, fu approvato dalla SAC Wiley, e inviato successivamente alla Direzione esecutiva del CTD.

EnGiCav