Gli abusi sui detenuti di Guantanamo

(da: FBI – the Vault)

Guantanamo Detainees

Riscontro positivo 02: richiesta informazioni via e-mail

XXXXX (INSD)(FBI)From: XXXXX (IR)(FBI)Sent: Friday, July 09, 2004 3:42 PM

To: Fedarcyk, Janine K. (IR)(FBI); XXXXX (IR)(FBI); XXXXX (IR)(FBI)

Subject: GTMO E-Mail

UNCLASSIFIED

NON-RECORD

XXXXX,

Per the recent FBIHQ e-mail request, be advised that during my GTMO tenure, I did witness aggressive treatment, interview/interrogation tecnique(s), etc. of Detainees by non-Bureau personnel. CIRG’s 11/22/2002 Electronic Communication to FBIHQ (265A-MM-C99102, serial 724) details some of these observations.

Hope all’s well

XXXXX

CIRG/NCAVC/BAU-3

XXXXX

XXXXX (INSD) (FBI)Da: XXXXX (IR) (FBI)Spedito il: Venerdì 9 luglio, 2004 03:42 PM

A: Fedarcyk, Janine K. (IR) (FBI); XXXXX (IR) (FBI); XXXXX (IR) (FBI)

Oggetto: GTMO E-Mail

NON CLASSIFICATO

NON-RECORD

XXXXX,

A seguito della recente richiesta del quartier generale dell’FBI (FBIHQ) via e-mail, di essere a conoscenza che durante il mio mandato GTMO, fui testimone di trattamento aggressivo, tecniche di intervista/ interrogatorio, ecc di detenuti da parte di personale non FBI. La comunicazione elettronica del CIRG del CIRG è 22/11/2002 all’FBIHQ (265A-MM-C99102, seriale 724) dettaglia alcune di queste osservazioni.

Spero che  tutto vada bene

XXXXX

CIRG/NCAVC/BAU-3

XXXXX

Riscontro positivo 02: Modulo FD-302 (Verbale di intervista)

FEDERAL BUREAU OF INVESTIGATIONDate of transcription:    09/15/2004

XXXXX Supervisory Special Agent (SSA), EOD: XXXXX National Center for the Analysis of the Violent Crimes (NCAVC), FBI Academy, Quantico, Virginia was interviewed regarding his knowledge of any aggressive treatment, interrogations, or interview techniques at Guantanamo Bay, Cuba (GTMO). After being advised of the identity of the interviewing Agent and the purpose of the interview, SSA XXXXX provided the following information in response to thirteen special inquiry questions:

XXXXX’s TDY assignment to GTMO began on 09/12/2002 and ended on 10/25/2002. XXXXX was partnered with SSA XXXXX XXXXX also from NCVAC, both whom provided behavioral assistance to the intelligence gathering mission involving the GTMO detainees. While XXXXX never participated in detainee interrogations, he sometimes observed them. Also, when requested, he reviewed background files of the detainees to assist in the formation of interview strategies.

XXXXX’s primary point of contact was XXXXX, a civilian who had overall responsibility for the interrogation of the detainees. He directed the military reservists who conducted the interrogations of the detainees. XXXXX advised he “did not like XXXXX”, because of his attitude and his interrogation methods.

XXXXX did witness aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed on detainees at GTMO inconsistent with FBI or DOJ policy/guidelines. The incident involved detainee number ###.

When XXXXX arrived in GTMO, number ### was incarcerated in a darkened cell in the Naval Brig. The lead interrogator for nurnber ### was Staff Sergeant XXXXX, a reservist from California. About two weeks after XXXXX arrived in GTMO, XXXXX requested he and XXXXX observe number ### to provide an assessment of his behavior. During the following week, discussions concerning interrogation options for number occurred between XXXXX and XXXXX. The objective was to develop an interrogation strategy which would enable the interrogators to elicit information from number XXXXX.

On 10/03/2002, number ### was transported from the Naval Brig to Camp Delta, at which point he was fed, and interrogated by an interrogation team, however he failed to provide any substantive information. Later that same evening, number ### was transported to Camp X -Ray where he was placed in a plywood hut and interrogated by another military interrogation team until the early morning hours of 10/04/2002. XXXXX and XXXXX observed both interrogations. XXXXX advised the interrogators screamed and yelled at number ### during both interrogations. At some point during the second interrogation, XXXXX and XXXXX returned to their quarters. During the late afternoon hours of 10/04/2004 XXXXX and XXXXX returned to observed the interrogation of number ### advised the Koran had been placed in front of number ### and Captain XXXXX, United States marine Corp, began to interrogate the detainee. At some point during the interrogation Captain XXXXX squatted over the Koran, which incensed number ### and caused him to reach for the Koran. While XXXXX did not observe the incident, he was nearby when it occurred, heard the yelling, and went to the hut to learn what happened. XXXXX was then told what occurred. XXXXX and XXXXX then returned to their quarters. On 10/05/2002, a German Shepherd was placed in front of number ### while his handler commanded the dog to growl, bark, and show his teeth. XXXXX and XXXXX were displeased with the interrogation techniques utilize on number XXXXX and decided to depart Camp X-Ray. They were never again in the presence of number ###. XXXXX believed the interrogation of number ### concluded on 10/08/2002.

Approximately two weeks after the aforementioned incident, XXXXX and XXXXX were at Camp Delta in an observation room which was located between two interrogation rooms. XXXXX was observing one interrogation while XXXXX was observing another interrogation when XXXXX entered the observation room.

XXXXX was laughing and he told XXXXX and XXXXX he wanted to show them something. XXXXX accompanied XXXXX while XXXXX remained in the observation room. XXXXX later told XXXXX that XXXXX had taken him to an interrogation room where he observed a detainee with a full beard whose head had been wrapped in duct tape. Shortly thereafter, XXXXX and XXXXX departed GTMO.

XXXXX advised he and XXXXX corresponded telephonically and via e-mail with FBIHQ representatives, including XXXXX and XXXXX and others at FBIHQ regarding the treatment of the detainees at GTMO. XXXXX also  ensured UC was apprized of the events at GTMO.

XXXXX had no knowledge or  understanding of Department of Defense (DoD) authorization for the permitted use of harsh/aggressive interrogation techniques. He was not sure if any interrogation techniques he observed were actually authorized.

XXXXX had no contact with interviewees during his tenure at GTMO. He also advised he had no pictures, audio, notes or other documentation which depicted or described aggressive treatment, interrogations or interview techniques employed on detainees at GTMO and had no knowledge of anyone  else who was in possession of such items. XXXXX had no additional information related to the treatment of detainees at GTMO.

Upon his return from GTMO, XXXXX along with XXXXX related the aforementioned incidents to SAC Stephen R. Wiley.

Also, XXXXX drafted an EC dated 11/22/2002, which outlined the aforementioned events, was approved by SAC Wiley, and subsequently forwarded to CTD Executive Management.

Federal Bureau of InvestigationData di trascrizione: 15/09/2004

XXXXX Agente Speciale di Vigilanza (SSA), EOD: XXXXX Centro Nazionale per l’Analisi dei Reati Violenti (NCAVC), Accademia dell’FBI, Quantico, Virginia, è stato intervistato riguardo la sua conoscenza di qualche trattamento aggressivo, interrogatori, o tecniche di intervista a Guantanamo Bay, a Cuba (GTMO). Dopo essere stato al corrente dell’identità dell’agente intervistante e lo scopo del colloquio, SSA XXXXX ha fornito le seguenti informazioni in risposta alle tredici domande dell’inchiesta speciale:

L’assegnazione TDY di XXXXX a GTMO iniziò il 12/09/2002 e terminò il 25/10/2002. XXXXX collaborò con l’SSA XXXXX XXXXX anch’egli proveniente dall’NCVAC, entrambi i quali hanno fornito assistenza comportamentale alla missione di intelligence che coinvolgeva i detenuti di GTMO. Sebbene XXXXX non abbia mai partecipato agli interrogatori dei detenuti, a volte li osservava. Inoltre, quando richiesto, passava in rassegna i fascicoli dei detenuti per aiutare nella formazione delle strategie di intervista.

Il primo punto di contatto di XXXXX era XXXXX, un civile che aveva la responsabilità generale dell’interrogatorio dei detenuti. Dirigeva i riservisti militari che conducevano gli interrogatori dei detenuti. XXXXX segnalò che “non gli piaceva XXXXX”, a causa del suo atteggiamento e i suoi metodi di interrogatorio.

XXXXX è stato testimone di trattamento aggressivo, inerrogatori o tecniche di intervista impiegati su detenuti di GTMO incompatibili con le policies/linee guida dell’FBI e del Dipartimento di Giustizia. L’incidente coinvolse il detenuto numero ###.

Quando XXXXX arrivò a GTMO,, il numero ### era rinchiuso in una cella buia nella Naval Brig. L’interrogante responsabile per il numero ### era Sergeant Capo XXXXX, un riservista della California. Circa due settimane dopo arrivò che XXXXX a GTMO, XXXXX richiese a lui e a XXXXX di osservare il numero ### per fornire una valutazione del suo comportamento. Durante la settimana successiva, vi furono discussioni sulle modalità dell’interrogatorio del numero ### tra  XXXXX e XXXXX. L’obiettivo era di sviluppare una strategia di interrogatori, il che avrebbe consentito di ottenere informazioni da numero XXXXX.

Il 03/10/2002, il numero ### fu trasportato dalla Brigata Navale a Camp Delta, a quel punto ne aveva abbastanza, e fu interrogato da un team di interrogatorio, che però non riuscì a ottenere alcuna informazione sostanziale. Più tardi quella stessa sera, il numero ### venne trasportato a Camp X-Ray dove fu posto in una capanna di legno e interrogato da un’altra squadra militare di interrogatorio fino alle prime ore del mattino del 04/10/2002. XXXXX e XXXXX osservato entrambi gli interrogatori. XXXXX consigliò agli interroganti di strillare ed urlare al numero ### durante entrambi gli interrogatori. Ad un certo punto, durante il secondo interrogatorio, XXXXX e XXXXX tornarono nei loro alloggi. Durante le ore del tardo pomeriggio del 04/10/2002 XXXXX e XXXXX tornati per osservare l’interrogatorio del numero ### notarono che il Corano era stato messo in testa al numero ### e il capitano XXXXX, del Corpo dei Marine degli Stati Uniti, cominciò ad interrogare il detenuto. Ad un certo punto durante l’interrogatorio, il capitano XXXXX si sedette sopra il Corano, provocò il numero ### chiedendogli di cercare il Corano. Sebbene XXXXX non osservò l’incidente, egli era nelle vicinanze quando accadde, sentì urlare, e andò alla capanna per apprendere cosa fosse successo. Ad XXXXX fu poi raccontato quanto accaduto. XXXXX e XXXXX tornarono poi ai loro alloggi. Il giorno 05/10/2002, un pastore tedesco fu posto di fronte al numero ### mentre il suo conduttore comandava al cane di ringhiare, abbaiare e mostrare i denti. XXXXX e XXXXX furono dispiaciuti per l’utilizzo di tecniche di interrogatorio al numero ### e decisero di partire dal Camp X-Ray. Non sono mai stati più in presenza del numero ###. XXXXX ritenne che l’interrogatorio del numero XXXXX si concluse l’8/10/2002.

Circa due settimane dopo l’incidente di cui sopra, XXXXX e XXXXX erano a Camp Delta in una sala di osservazione che si trovava tra due stanze per gli interrogatori. XXXXX stava osservando un interrogatorio, mentre XXXXX stava osservando un altro interrogatorio, quando XXXXX entrò nella stanza di osservazione.

XXXXX stava ridendo e disse a XXXXX e XXXXX di voler mostrare loro qualcosa. XXXXX accompagnò XXXXX mentre XXXXX rimase nella stanza di osservazione. XXXXX XXXXX dichiarò poi che XXXXX lo aveva portato in una stanza degli interrogatori, dove osservò un detenuto con una folta barba la cui testa era stata avvolta con del nastro isolante. Poco dopo, XXXXX e XXXXX lasciarono GTMO.

XXXXX lo informò e XXXXX si mise in contatto telefonicamente e via e-mail con i rappresentanti dell’FBIHQ, tra cui XXXXX, XXXXX ed altri dell’FBIHQ riguardo il trattamento dei detenuti a GTMO. XXXXX assicurò anche che l’UC era al corrente dei fatti di GTMO.

XXXXX non ha avuto conoscenza o comprensione di autorizzazione da parte del Dipartimento della Difesa (DoD) circa l’uso consentito di tecniche dure/aggerssive di interrogatorio. Non era sicuro se le tecniche di interrogatorio che egli aveva osservato fossero state effettivamente autorizzate.

XXXXX non ha avuto alcun contatto con gli intervistati durante la sua permanenza a GTMO. Ha inoltre informato di non aver foto, audio, note o altra documentazione che raffiguri o descriva trattamento aggressivo, interrogatori o tecniche di intervista impiegati su detenuti a GTMO e non ha avuto conoscenza di nessuno che fosse in possesso di tali elementi. XXXXX non ha avuto ulteriori informazioni relative al trattamento dei detenuti a GTMO.
Al suo ritorno da GTMO, XXXXX insieme a XXXXX relazionarono sugli incidenti di cui sopra al SAC (Special Agent in Charge) Stephen R. Wiley.

Inoltre, XXXXX ha redatto un EC del 22/11/2002, che faceva riferimento ai suddetti eventi, è stato approvato dal SAC Wiley, e successivamente trasmesso alla Direzione Esecutiva del CTD.

EnGiCav