“Il 309° Gruppo Aerospaziale Manutenzione e Rigenerazione situato nella Base USAF di Davis-Monthan a Tucson, in Arizona, è il cimitero degli aerei più grande del mondo.
Il “Boneyard” (Ossario), come viene spesso chiamato, è stato creato nel 1946 per parcheggiare alcuni aerei in eccedenza del Dipartimento della Difesa e della marina, ma poi è cresciuto fino a diventare l’area di deposito per tutti gli aeromobili fuori servizio del governo degli Stati Uniti.
Esso contiene oltre 4000 velivoli tra cui bombardieri come il B52 e il B1, caccia come l’F15 Eagle e l’F14 Tomcat, enormi aerei da trasporto militare, come il Galaxy C5a, elicotteri, jet e prototipi unici che non sono mai entrati in servizio.
Alcuni aerei sono conservati per un eventuale riutilizzo, recupero dei metalli, e altri per essere spogliati di pezzi di scorta: ad esempio i caccia F-111 Australiani.
Il clima a Tucson è ideale per gli aeromobili in quanto il terreno alcalino, la bassa umidità e le scarse precipitazioni li preservano dalla corrosione. In realtà la struttura è così efficiente in quello che fa che, per ogni dollaro che il governo degli Stati Uniti spende per il funzionamento della struttura, ne risparmia o produce 11 dollari.
Secondo i termini dei colloqui sulla riduzione delle armi strategiche, a più di 300 bombardieri B-52 sono state tagliate le ali dalla fusoliera ed esposti al Boneyard come prova al passaggio dei satelliti sovietici.
Il Boneyard non è solo un deposito di aerei. E’ un magazzino inattivo di missili balistici intercontinentali Titan per il trasporto di testate nucleari”.
Facciamo uno zoom dell’area rossa sopra indicata:
Facciamo un ulteriore zoom del riquadro rosso nella fotografia sopra riportata:

…e facciamo due conti:

EnGiCav