Ad inizio 2008, Romano Prodi, Primo Ministro dimissionario in attesa dell’esito delle elezioni di Aprile, informa l’Ambasciatore USA Spogli che non vede nel breve termine prospettive di soluzione alla crisi dei rifiuti del capoluogo campano. Questa sua amara constatazione si unisce alla serena convinzione di avere “fatto tutto il possibile per tenere insieme la sua coalizione litigiosa e che ora stava considerando di ritirarsi dalla politica”. Tornando alla questione rifiuti, Prodi confessa si aver valutato l’ipotesi di spedire i rifiuti verso paesi in via di sviluppo, “ma ha deciso contro tale proposta per evitare l’impressione che ci fosse lo sfruttamento dei paesi più poveri. Invece, continuerà la spedizione della spazzatura in Germania dove sarà smaltita in impianti di incenerimento ad alta tecnologia ad un costo notevole per il governo”.

Reference ID Created Released Classification Origin

08ROME196

2008-02-13 09:50

2011-07-22 11:00

CONFIDENTIAL

Embassy Rome

 

C O N F I D E N T I A L ROME 000196
SIPDIS
SIPDIS
E.O. 12958: DECL: 02/15/2018
TAGS: PREL PGOV NATO IT
SUBJECT: PRODI TO ATTEND BUCHAREST SUMMIT, SEES NO EASY SOLUTION TO GARBAGE CRISIS
Classified By: Ronald P. Spogli, Ambassador, for reasons 1.4 (b) and (d).
C O N F I D E N T I A L ROME 000196
SIPDIS
SIPDIS
E.O. 12958: DECL: 02/15/2018
TAGS: PREL PGOV IT NATO
OGGETTO: Prodi, che parteciperà al Summit di Bucarest, non vede facile soluzione alla crisi dei rifiuti
Classified By: Ronald P. Spogli, Ambassador, for reasons 1.4 (b) and (d).
¶1. (C) On February 11, the Ambassador met with outgoing PM Romano Prodi to discuss a range of outstanding issues. Prodi said he had just spoken with President Bush and regretted that their February 4 meeting in Washington did not take place. He confirmed that despite the government crisis he would attend the Bucharest Summit in April 2008. A relaxed Prodi told the Ambassador that he had done all he could to keep his fractious coalition together and was now considering retiring from politics. ¶ 1. (C) 11 febbraio, l’Ambasciatore ha incontrato il Primo Ministro uscente Romano Prodi per discutere di una serie di questioni in sospeso. Prodi ha detto di aver appena parlato con il presidente Bush e si è lamentato che il loro incontro a Washington non abbia avuto luogo. Ha confermato che, nonostante la crisi di governo, avrebbe partecipato al vertice di Bucarest nell’aprile 2008. Un rilassato Prodi ha detto all’ambasciatore che aveva fatto tutto il possibile per tenere insieme la sua coalizione litigiosa e che ora stava considerando di ritirarsi dalla politica.
¶2. (C) The Ambassador expressed appreciation for the Constitutional Court’s postponed hearing on the Abu Omar case and asked Prodi to look into the delay on approval for basing the Global Hawk UAV at Sigonella. Prodi said he was pleased by the court’s decision. He was surprised, however, that the USG had not received MOD approval for Global Hawk. Both Prodi and his national security advisor Sannino said they were not aware of outstanding substantive issues and promised to look into the delay. The Ambassador thanked Prodi for the work of GOI Dal Molin Commissioner Costa and asked that he allowed to stay on. Prodi said Costa would remain since his mandate comes from the President and not the Prime Minister. He assured the Ambassador that although there will always be a “”lunatic fringe”” opposed to the project, the expansion will move forward. ¶ 2. (C) L’Ambasciatore ha espresso apprezzamento che la Corte Costituzionale abbia rinviato l’udienza del caso Abu Omar e ha chiesto a Prodi di verificare il ritardo nell’approvazione di installare gli UAV Global Hawk a Sigonella. Prodi si è detto soddisfatto per la decisione della Corte. Si è sorpreso, tuttavia, che il governo americano non avesse ricevuto l’approvazione del Ministero della Difesa per i Global Hawk. Sia Prodi che il suo consigliere per la sicurezza nazionale Sannino hanno detto che non erano a conoscenza di questioni sostanziali eccezionali e ha promesso di verificarne il ritardo.
L’ambasciatore ha ringraziato Prodi per il lavoro del Commissario del Dal Molin Costa e ha chiesto che potesse rimanere in carica. Prodi ha detto che Costa sarebbe rimasto in quanto il suo mandato viene dal Presidente della Repubblica e non dal primo ministro. Ha assicurato l’Ambasciatore che, anche se ci saranno sempre “frange estremiste” contrarie al progetto, l’espansione andrà avanti.
¶3. (C) On the Naples garbage crisis, Prodi (who had just met with Waste Emergency Commissioner De Gennaro) said there was no easy short-term solution. Italy considered shipping garbage to developing countries but decided against to avoid the impression it was exploiting poorer countries. Instead, it will continue shipping garbage to Germany where it will be disposed of in high-tech incinerators at a substantial cost to the government.
SPOGLI
¶ 3. (C) Sulla crisi dei rifiuti a Napoli, Prodi (che aveva appena incontrato il commissario dell’emergenza rifiuti De Gennaro) ha detto che non vi era una facile soluzione a breve termine. L’Italia ha considerato di spedire la spazzatura a nazioni in via di sviluppo, ma ha deciso contro tale proposta per evitare l’impressione che ci fosse lo sfruttamento dei paesi più poveri. Invece, continuerà la spedizione della spazzatura in Germania dove sarà smaltita in impianti di incenerimento ad alta tecnologia ad un costo notevole per il governo.
Spogli

EnGiCav